•  
  •  

Dammi un’emozione,
un sentimento,
una ragione:
non vedo altro che buio,
noia, nero e desolazione…
Una vita senza te
non la posso nemmeno immaginare…
Sono caduto dal cielo
in un mondo glaciale
dove feroci animali
vorrebbero banchettare
con la mia carne
così sfornità di aculei…
Ma tu portami via da questa bruma eterna,
lassù dove le nubi non esistono più
e il sole riscalda ancora…
…e insieme voleremo
con queste ali da pipistrello,
su un mondo che visto da quassù
è solo
un immenso quadro…

Di Davide De Grazia

Il poeta non è altro che un canale, un medium per l'infinito, che si annulla per fare posto a forze che gli sono immensamente superiori e, per certi versi, persino estranee. D'altra parte chi sono io di fronte al tutto, ma al contempo, cosa sarebbe il tutto senza di me?

Un pensiero su “Caduto dal cielo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.