•  
  •  

Il sorriso gentile,

lo sguardo vivace,

fanno respirare la mia anima

ogni volta che

la semplicità che emani

mi si avviluppa

al cuore

dove ti sei stabilita,

presenza mistica e erotica.

Io ti amo

in un deserto di spine,

sotto un sole di piombo,

ogni giorno….

E il vento che mi sferza le carni

sgualcite e scolorite

si insinua tra le mie rughe

disseccando

quelle poche sorgenti di vita

che vi rimangono,

così che mentre ti porti

lontana da me,

non trovo un argomento valido

per farti restare,

fiore colorato,

in un deserto salato.

Di Davide De Grazia

Il poeta non è altro che un canale, un medium per l'infinito, che si annulla per fare posto a forze che gli sono immensamente superiori e, per certi versi, persino estranee. D'altra parte chi sono io di fronte al tutto, ma al contempo, cosa sarebbe il tutto senza di me?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.