•  
  •  

Profili virtuali e simulacri
corpi computazionali
un’ansia di eterno presente
che si traduce
in un’eterna dilazione del piacere
costruzioni dialettiche
non più basate sulle idee
ma sul pettegolezzo e sullo scherno
io non posso odiare
la tua natura sofisticata
il tuo incrociarsi di algoritmi
come di persone ed esperienze
io non posso odiare
le tue finestre pop-up
finestre su un mondo
sempre più vicino
e sempre più alieno
abbiamo rinunciato orgogliosamente
alla socialità naturale
siamo noi:
I cyborg metà naturali e metà virtuali
Le schiere di stolti
a cui è stata data parola,                                                                                    
accostamenti di oscenità ed elevata poesia
mi rammentano il mio gusto sofisticato
per l’orrido e il sublime.

Di Vincenzo Costabile

Laureato triennale in psicologia con una tesi su creatività e psicopatologia. Giocatore e istruttore di scacchi. Ho la passione per tutte le espressioni artistiche e soprattutto: poesia, letteratura, cinema, fotografia, teatro e musica. Scrivo poesie, storie, riflessioni e articoli giornalistici, suono la chitarra e fotografo. Mi piace svolgere attività di volontariato e mi interessa la politica. Amo viaggiare, sebbene per me il senso principale del viaggio sia immergersi in una nuova cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.