Giovanni Falcone, nessuno come lui

Il 23 Maggio 1992 Giovanni Falcone fu assassinato con la moglie Francesca Morvillo insieme a tre uomini della scorta nella Strage di Capaci per opera di Cosa Nostra.

Io questo giudice non lo dimentico, e non lo dimentico perché è stato, fra tutti gli altri giudici della storia, l’unico in grado di persuadere i primi ‘pentiti’ di Cosa Nostra, costruendo con il c.d metodo Falcone, i primi interrogatori che portarono a definire il codice di Cosa Nostra – a partire dal famoso incontro con Tommaso Buscetta in un caldo luglio – fino a giungere al processo più grande e più rilevante di tutti i tempi, significativo per l’antimafia che contava davvero: il maxi processo a Cosa Nostra iniziato nel 1986 a Palermo.  Giovanni Falcone riuscì ad identificare il ‘linguaggio’ mafioso, attraverso l’ascolto, con i pentiti, attraverso l’immedesimazione e, anche se suona difficile, attraverso anche il rispetto (che non significa portare a casa dei pasticcini). È stato il primo giudice, fra tutti gli altri, con a fianco Paolo Borsellino, a cui piacevano di più i numeri, ad attirarsi l’attenzione e a guadagnarsi la collaborazione di coloro che avrebbero contribuito a tracciare, da un punto di vista investigativo, la storia di Cosa Nostra. Un uomo diligente, serio, e umano. Un magistrato onesto che non si è mai piegato al potere dello Stato, un uomo che, come pochi altri, credeva nel vero valore dello Stato italiano, stare cioè al servizio del popolo. Il senso del dovere in persona. Un magistrato che, diversamente da quanto accade oggi in politica e in tv, non amava il clamore, non amava l’esibizionismo mediatico. Non amava pubblicare uno o due libri all’anno.

Read more


Venuto dal mare- Anteprima

CAPITOLO I
SUSAN
Il mare era di fronte a lei, e Susan sorrise. Era la prima volta che lo vedeva, e aveva dovuto attendere vent’anni.
Da quando era nata, i suoi occhi avevano sempre e solo visto strade asfaltate, Ametan, altissimi grattacieli, palazzi di vetro. E gente che correva follemente dappertutto. Lei non aveva mai sopportato tutta quella frenesia, quella fretta, quella rapidità.
Quell’Efficienza. Read more


Ti consiglio un libro: Atti osceni in luogo privato.

“Atti osceni in luogo privato” nasce dalla penna di Marco Missiroli, scrittore riminese. Il libro lo proclama vincitore del premio Mondello 2015 e del premio Internazionale Isola d’Elba. In Italia, il romanzo è edito da Feltrinelli.

Il libro segue le naturali fasi di crescita di Libero, il protagonista, il quale narrerà la sua storia in prima persona.
Quando tutto ha inizio, Libero ha solo dodici anni e si è appena trasferito: da Milano a Parigi. Nella ville de l’amour  imparerà a conoscere il mondo delle donne, del sesso e dell‘amore. Lunette, il suo primo amore, gli fa capire come e quanto l’amore può portare all’oblio di se stessi. Libero, per ritrovarsi e (ri)scoprire il significato del suo nome, Read more


La Luna ed il Fuoco

Questa sera la Luna è alta nel cielo
così maestosa e piena di sé da riempire il mio animo di coraggio.
Questo cuore smarrito ha finalmente trovato la sua via.

A luci spente
questa Luna illumina il tuo viso
ed esalta la dolcezza dei tuoi occhi..

Si posa lo sguardo
sul tuo sorriso
che mi contagia
e mi rende felice

E arde un fuoco
dentro me
alimentato da sguardi
pieni di passione

Brucia su questa pelle
l’amore che sento in me
quasi volesse uscire a tutti i costi
e bruciare anche te

Inconsapevolmente dipingi la mia vita
che passa dal bianco e nero
a quei meravigliosi colori
che compongono la tua anima

Più ti guardo più riesco a guardarmi dentro,
è una cascata di sentimenti
che mi fanno sentire vivo per la prima volta

..Sei il mio sorriso più bello..




Nella “Biblioteca dei piccoli” a Guardavalle incontro sulla tradizione orale

A Guardavalle l’invenzione de ‘La biblioteca dei piccoli’ come motivo di accoglienza e di integrazione, tra giochi libri e incontri interculturali, in uno spazio libero e aperto.

GUARDAVALLE – si è parlato spesso in questo blog e altrove della possibilità d’apertura che certi piccoli borghi della Calabria mostrano al circostante, si è parlato di associazioni e realtà ‘eretiche’, nel senso che si differenziano per il loro ‘fare’, per essere sempre attivi, in movimento, e per lo sviluppo della cultura senza mezzi economici, indipendentemente da aiuti istituzionali. A Guardavalle, in provincia di Catanzaro, esiste una piccolissima realtà, creata all’interno dello spazio sociale anziani, che oggi dà ampio spazio a libri, storie, letture, incontri, possibilità di studio comune. È la ‘biblioteca dei piccoli’, uno spazio creato dalla volontà di espressione per i propri piccoli, dove poter trovare allegria, formazione, ma anche coinvolgimento, dunque aggregazione e integrazione. Read more


Fiera del libro calabrese VIII edizione

In agenda l’interessante iniziativa della ottava “Fiera del libro calabrese” che vedrà dal 20 al 23 maggio un’ampia presenza di case editrici con stand e libri e dal 20 al 27 maggio diversi appuntamenti culturali tra poesia e saggistica

La Fiera del libro calabrese è inserita all’interno de Il Maggio dei libri con il patrocinio del Comune di Lamezia Terme e si terrà a Palazzo Nicotera, sede della biblioteca comunale.

Anche quest’anno ritorna a Lamezia Terme la Fiera del libro calabrese, nella sua ottava edizione. Inserita nel fitto cartellone de Il Maggio dei libri, dietro l’organizzazione e la promozione dell’Associazione Sinergie Culturali, la fiera del libro propone al pubblico quattro appuntamenti di qualità e tutti variegati: oltre agli stand delle varie case editrici e i loro libri, ci saranno serate in poesia, presentazioni di libri, momenti di incontro e confronto, dibattito. Read more


Facebook

Profili virtuali e simulacri
corpi computazionali
un’ansia di eterno presente
che si traduce
in un’eterna dilazione del piacere
costruzioni dialettiche
non più basate sulle idee
ma sul pettegolezzo e sullo scherno
io non posso odiare
la tua natura sofisticata
il tuo incrociarsi di algoritmi
come di persone ed esperienze
io non posso odiare
le tue finestre pop-up
finestre su un mondo
sempre più vicino
e sempre più alieno
abbiamo rinunciato orgogliosamente
alla socialità naturale
siamo noi:
I cyborg metà naturali e metà virtuali
Le schiere di stolti
a cui è stata data parola,                                                                                    
accostamenti di oscenità ed elevata poesia
mi rammentano il mio gusto sofisticato
per l’orrido e il sublime.


  • ©2016 Manifest. Tutti i diritti sono riservati agli autori delle singole opere.
  • Il blog è stato realizzato da Siti Web Torino.