•  
  •  

“Casa e poesia – L’offerta di un incontro”

1996 – 2016,  20 anni di lavoro continuo a favore della diffusione della cultura e del recupero della memoria storica nel territorio di Valletuccio.

 

Sabato 11 giugno a partire dalle ore 10.30 il borgo di San Lorenzo, in provincia di Reggio Calabria, diventerà il giusto scenario culturale attraverso cui  tracciare 20 anni di storia tra luoghi, poesia, paesaggio. “Casa e poesia – L’offerta di un incontro”, questo il titolo dell’iniziativa che si protrarrà fino a pomeriggio  organizzata dal Circolo del Cinema “Il Pettirosso” che quest’anno festeggia 20 anni, aderente alla FICC, presieduto da America Liuzzo, da un’idea suggerita “dall’Accademia dei Vagabondi”. La giornata vedrà la partecipazione dell’antropologo Vito Teti, Domenico Minuto,  Silvana Guarna, America Liuzzo e di quanti vorranno prendere parte con pioggia di poesie e letture a tema, come si evince dalla locandina. Seguirà un momento di riflessione “Vinni giugnu e m’allegra lu cori” con il saluto di Valentino Santagati, si parlerà inoltre di “Fine Pasto”con l’autore del libro Vito Teti,  ci sarà poi una breve pausa ristoro e infine una passeggiata storico-culturale verso il borgo partendo da V. Ciappe con doveroso passaggio dal piazzale “Curcumeddhu” a cura di America Liuzzo. L’11 giugno è senz’altro una data importante nel panorama della letteratura italiana del 900’. L’11 giugno del 1956 moriva a Roma il grande Corrado Alvaro. Un calabrese, uno scrittore e intellettuale fra i più grandi, a livello nazionale, a cui ancora la sua terra gli deve un giusto e meritato riconoscimento. Che sia questa e tante altre occasioni che si moltiplicheranno sabato e in futuro, con l’auspicio nelle nuove generazioni, per restituire dignità a quell’uomo dai lineamenti antichi…

“La nostra idea parte dall’esigenza di dimostrare che non siamo in grado di apportare aiuto materiale ai nostri centri interni, ma il male è monotono mentre il bene spazia dalla fantasia all’arte in tutte le sue espressioni, dalla filosofia alle scienze fisiche all’astronomia, ecc. Dunque, se non possiamo riparare il male, possiamo proporre di vitalizzare i nostri centri con il bene – dice Domenico Minuto – Proponiamo, dunque, una giornata periodica su argomenti che fanno gioire e contemplare l’anima: il silenzio, l’armonia, la riflessione sul tempo e lo spazio, la solidarietà. Alcune settimane fa abbiamo sperimentato questa iniziativa a Gallicianò, con la lettura e il commento di “Vento a Tindari” e con l’aggiunta di poesie a piacere più un pranzo sublime in una delle due trattorie. È andata bene e desideriamo riproporre la stessa idea anche a San Lorenzo”.Immagine148952

Di Valeria D'Agostino

Giornalista pubblicista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.