•  
  •  

I caldi baci,

le soffici carezze,

la pelle profumata alle erbe,

e poi il buio e la malinconia…

Io mi perdo nei campi della nostalgia

in una notte che si espande

e copre tutto,

come petrolio:

ma poi, peregrinando

nei labirinti della mente,

attraverso tenebre,

prive di luna

(perché la luna eri tu,

che te ne sei andata),

vedo una piccola stella,

che illumina gli occhi,

e mi accorgo

che questo mondo

senza luce,

né pace,

non mi appartiene:

io non ti amo più ragazza della luna,

hai fatto il mio cuore a coriandoli,

     non ho niente da rimproverare

ma ora devo andare…

(Peccato solo

che le lacrime dell’inferno,

brucino,

   in eterno…)

Di Davide De Grazia

Il poeta non è altro che un canale, un medium per l'infinito, che si annulla per fare posto a forze che gli sono immensamente superiori e, per certi versi, persino estranee. D'altra parte chi sono io di fronte al tutto, ma al contempo, cosa sarebbe il tutto senza di me?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.