Ti consiglio un libro… anzi, uno scrittore: Valerio Massimo Manfredi
Ti consiglio un libro… anzi, uno scrittore: Valerio Massimo Manfredi

Ti consiglio un libro… anzi, uno scrittore: Valerio Massimo Manfredi

“I sette colli sembravano assorti in quell’atmosfera senza tempo, coronati di luce e di nubi, di torri e di mura, d archi e di pini secolari dalla corteccia rossa. E c’era un’isola in mezzo al fiume, collegata alle sponde con due ponti di marmo, tagliata e sagomata come una gigantesca nave di pietra arenata nelle sabbie bionde. Al centro un tempio e una statua scintillante d’oro. A sinistra un colle dirupato e sulla sua vetta un altro tempio, grandioso, decorato da una miriade di statue rosse e ocra e coperti di tetti laminati d’oro, fiammeggianti sotto il sole che declinava.
Apparve in cielo una stella.
Roma.
Ci fu un lungo, attonito silenzio, poi risuonò la voce di Flavus: “Da quando esiste questo paese?”.
“Da sempre”, rispose Tauro”.

Questa è una citazione dell’ultimo libro di Valerio Massimo Manfredi, “Teutoburgo”, che narra gli eventi che portarono il giovane Cherusco, Arminio, a scontrarsi con i Romani a Teutoburgo, e a vincere la battaglia che per i Romani divenne la più grande catastrofe della loro storia ( sì, quella di “Varo, ridammi le mie legioni!”).

Valerio Massimo Manfredi è un archeologo, divulgatore e autore di programmi Tv, come il famoso Stargate, andato qualche anno fa in onda su La7. Ma è soprattutto un grande scrittore di romanzi storici, ambientati in gran parte nel mondo antico, o che comunque narrano vicende di archeologi che indagano misteri riguardanti le epoche ormai passate da lungo tempo.
La sua bravura, e la sua unicità, a mio avviso, risiede nella sua grande onestà intellettuale: spesso ha dichiarato che i suoi sono romanzi, quindi opere di di finzione, che costruiscono una vicenda fittizia, ambientata però in un’epoca reale, che lui riesce a ricostruire perfettamente. La sua estrema serietà è dimostrata anche dal fatto che alla fine di ogni libro, tre o più pagine sono dedicate a una sterminata bibliografia, alle fonti prese in esame, e alle modalità con cui ha ricostruito vicende o personaggi lontani nel tempo e quindi difficili da restituire a noi con una perfetta aderenza.
In più. ritengo che abbia avuto l’enorme merito di creare una nicchia di pubblico nutrita e allevata al culto della Memoria: un fatto, questo, che in un’epoca come la nostra, è di vitale importanza.
Per stimolarvi alla sua lettura, vi consiglierò sei tra le sue opere. Sono tutte molto valide, ma credo che queste sei siano imprescindibili!

-Lo scudo di Talos: la storia di un giovane ragazzo menomato nella Sparta travolta dalle guerre Persiane;
– L’ultima legione: la ricostruzione, tra reale e fittizio, della Caduta dell’Impero Romano d’Occidente;
– la trilogia Alexandros: una straordinaria e precisa ricostruzione delle vicende di Filippo e Alessandro Magno;
– Le paludi di Hesperia: il meno noto dei ritorni degli eroi greci da Troia, quello di Diomede;
– Il tiranno: la storia tormentata del tiranno di Siracusa, Dionigi, e la descrizione accurata della Magna Grecia al massimo del suo splendore;
– Teutoburgo: l’ultimo libro, appunto, la descrizione eccellente dell’incontro/scontro tra due civiltà, quella Romana e quella Germanica, che un giorno avrebbe fatto nascere l’Europa

Buona Lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.