Greedy of Happyness

Molti di noi spesso hanno sentito dire “I soldi non fanno la felicità”. Ma fino a che punto è vera questa affermazione?
Indubbiamente ha un suo fondo di verità molto importante, da ricordare oggi come non mai in questa società basata solo ed esclusivamente sul Dio Denaro: che felicità può darti un foglio con scritto sopra una cifra?

Se considerato fine a sé stesso nulla, anzi molti dicono che siamo noi stessi a dare troppo valore a questa moneta, ad esserci troppo attaccati.
Ma potrebbe essere diversamente?

Se riflettiamo per un solo istante pensiamo a quante cose non potremmo avere, tenendo in conto solo dei beni di prima necessità, quei beni che servono necessariamente per vivere in modo dignitoso: cibo, vestiti ed un tetto sopra la testa.
Se non hai soldi queste tre cose, non puoi garantirti una vita dignitosa e se non vivi in maniera dignitosa come puoi pensare di essere felice?
L’istinto primordiale dell’uomo è quello di mangiare se ha fame, coprirsi quando ha freddo e sentirsi in un luogo sicuro che può chiamare casa.
Nulla potrà mai spegnere questi tre bisogni e se si sentirà una lacuna anche solo in uno di questi allora la felicità verrà a mancare.

Anche chi cerca di liberarsi completamente dalla schiavitù dei soldi prima o poi si ritroverà ad un vicolo cieco poiché non avrà ciò che gli serve e sarà costretto a comprarselo; sia ben chiaro non avrà ciò che gli serve. Perché prima di cadere nel vizio del volere, bisogna per lo meno garantirsi ciò di cui hai bisogno.

Abbiamo bisogno dei soldi, non tanto per arricchirci, per vivere nel lusso, per sentirci le tasche piene; ma solo per garantirci ciò che ci rende felici.
Non siamo avari di denaro; siamo avari di felicità.

Giuly Moon Vismara

La Luna è la migliore compagnia dei poeti senza sonno ed io, Moon, lascio la mia impronta abbracciando la notte e dipingendola di parole.

Leave a comment

  • ©2016 Manifest. Tutti i diritti sono riservati agli autori delle singole opere.
  • Il blog è stato realizzato da Siti Web Torino.