•  
  •  

Sabato 01/10

Ore 7.00 Di nuovo svegliata dalla voce della città. Stamattina la stanchezza mi impedisce di passeggiare molto e percorro solo brevi tratti nel Borgo Vecchio, fra bancarelle di frutta e magnifici palazzi barocchi che si aprono d’improvviso a squarci di mare.

20160930_082411

20160930_082313

20160930_082532

Mi ritrovo a fare colazione e scrivere al solito tavolino del solito bar. È curioso come dopo pochissimo tempo alcuni posti ci sembrano nostri e le persone familiari: almeno questo penso quando la ragazza della caffetteria sorride dietro il gilet nero e i capelli cortissimi.

Mentre scrivo ascolto la radio: penso che la radio mi piace perché ti fa ascoltare musica che altrimenti non ascolteresti, che poi è lo stesso motivo per cui non mi piace. Fortunatamente, stavolta sono io a poter cambiare stazione.

Ore 9.15 Inizio del convegno.

Ore 14.00 Finita la sessione mattutina pranzo con alcuni colleghi nel chiostro del convento che è sede dell’università. Si parla di libri, scavi, progetti, nuovi lavori e prossimi appuntamenti…e in fondo “andare a Taranto”, oltre ad essere aggiornati sulle nuove scoperte significa soprattutto tessere o rinforzare legami, altre volte per dichiarare guerra!

20160930_154414Ore 15.45 Aspetto A. e M.T. per rientrare in macchina. Un’ultima breve passeggiata, lungo il tratto di mare fra il castello e il Monumento al Marinaio inaugurato nel 1974 che campeggia all’incrocio fra il corso dei Due Mari e il lungomare Vittorio Emanuele. Dai loro 7 metri di altezza le due figure agitano il berretto, salutano e accolgono le navi che attraversano questo mare, confondendosi con l’orizzonte.

 

 

 

 

20161001_162533Ore 16.20 Partiamo, costeggiando l’isolotto del Borgo Vecchio che si affaccia sul Mare Piccolo, che i Tarantini chiamano semplicemente “la Marina”, con chioschi di ricci di mare e barche che sembrano aver trovato un luogo sicuro.

 

 

 

In uscita dalla città ci viene di nuovo incontro il paesaggio dominato da un groviglio di ciminiere, vasche, altiforni. Il cielo è più spesso e opaco.

20161001_163103

Leggo delle cifre spaventose sulle emissioni tossiche, dell’incidenza tumorale esorbitante rispetto alla media nazionale, di polemiche e contenziosi giudiziari, del referendum nel 2013 in cui i cittadini di Taranto hanno dovuto scegliere tra salute e lavoro e infine di Giacomo, che aveva 25 anni e appena due settimane fa è morto schiacciato da un nastro trasportatore nel reparto Afo4 .

Mi chiedo, mentre l’auto viaggia verso il “mio” Sud, se Taranto non sia in realtà uno dei tanti specchi del nostro Meridione: un paradiso disperato in cui è impossibile vivere e da cui è impossibile stare lontani. E mi torna alla memoria la frase del generale Quinto Fabio Massimo, che dopo aver conquistato la città nel 209 a.C., lasciò ai Tarantini, quasi come una maledizione,  i simulacri dei “loro dèi adirati”.

Di Daniela Costanzo

Archeologa. Bibliofila. Abibliofoba. Lettrice vorace, scrive fin da quando è in grado di farlo, ma declina puntualmente la responsabilità di spiegare i contenuti, con l'elegante pretesto che "la penna ne sa di più di chi scrive".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.