La terra trema

Sotto ai miei occhi

Non capisco cosa succede

Dove la luce

Non può penetrare;

Forse una faglia si è aperta

Nel solco della ragione:

É la mia casa

Che si va a sbriciolare.

Ma il tremore non è inutile,

Serve a costruire

In modo migliore.

Davide De Grazia

Il poeta non è altro che un canale, un medium per l'infinito, che si annulla per fare posto a forze che gli sono immensamente superiori e, per certi versi, persino estranee. D'altra parte chi sono io di fronte al tutto, ma al contempo, cosa sarebbe il tutto senza di me?

Leave a comment

  • ©2016 Manifest. Tutti i diritti sono riservati agli autori delle singole opere.
  • Il blog è stato realizzato da Siti Web Torino.