•  
  •  

Più profonda la ferita

       se praticata nella felicità

– più brucianti i margini.

 

Con meno incoscienza

       si dovrebbero assegnare

carnefici a cuori per natura

       malati di troppa verità.

Di Daniela Costanzo

Archeologa. Bibliofila. Abibliofoba. Lettrice vorace, scrive fin da quando è in grado di farlo, ma declina puntualmente la responsabilità di spiegare i contenuti, con l'elegante pretesto che "la penna ne sa di più di chi scrive".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.