Flusso di incoscienza.

Datemi il romanticismo della mia gioventù bruciata.
Voglio annegare tra i suoi vizi.
Acquistando l’umanità che non mi è mai stata concessa.
Colei che mi giudica e che allo stesso tempo mi guarda con desiderio.
Voglio abbandonare l’apatia che mi rende estraneo da ogni questione umana.
Voglio sentire il sangue circolarmi in corpo e prendere vita, respirando a pieni polmoni questo sogno utopico intriso di incoscienza.
Aspetterò l’oscurità aspettando che la mia razionalità si addormenti e non possa farmi il resoconto dei miei peccati.
Abbandonerò il mio corpo ai più primitivi sentimenti pronto a bruciarsi dai tormenti che questo comporta.
Ma la maledizione della sorte mi troverà portandomi via tutta questa libertà illusoria da cui con superbia vorrei avvolto.
Solo la mia anima sopravviverà e insoddisfatta per il triste finale girerà in terra vogliosa di morire.

Andrea Bruno

Oscillo tra i miei flussi di incoscienza. Giullari venite e deridete chi non vuol guardarvi; Colui che della verità ne apprezza le ferite. Chi ha reso la propria voce un ruggito. Chi a solo la notte deve il suo inchino.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.