La ‘memoria’ da catturare fra tradizione e post modernità scadente

SAMBIASE – Ed ecco che la poesia, quale valore universale, ritorna nella sua essenza salvifica seppur piena d’angoscia, e sentimenti differenti, perché desta stupore, ritorna nel tempo e nello spazio, tra vicoli umidi riscaldati da un sole timido d’inizio febbraio, accanto un antico tabacchi, tra saggezze popolari, muri ammuffiti di un centro storico ancora vivo, più vivo della modernità brutale di là fuori a venire. La poesia, oggi, è nell’ascolto, nello sforzo di restare ancora giovani, a dispetto di un’età anagrafica, perché animati da grande curiosità.

È, ancora, nello sguardo spaesato di chi ha viaggiato anche da fermo per decenni, vicino a ginestra di stoffa cucita, telai, memorie, e libri, segreti, dubbi e bellezza. La poesia, oggi, è pure nel movimento, nello sguardo del movimento di passi lenti e affaticati, nella resistenza e nel suo valore che si attinge a testimonianza di un passato, che se cercato, seppur bestemmiato, si lascia ancora prendere. Ed è il passato che non passa. Non passa, neppure a bastonate non passa.16507172_1618874184805868_1063382272_n

Oggi a Sambiase nei vicoli del poeta Franco Costabile, continua a respirarsi quel profumo, o forse più semplicemente quella idea che non esiste nella quale amo rifugiarmi utopicamente per sfuggire dal chiassoso presente, e accanto una vespa rossa posizionata su un muro sulla destra di un antico palazzo non c’è affatto la voglia di voltarsi indietro, chè indietro è lì presente. Parlo dell’idea di tradizione che non scompare in chi detiene da anni, fatti di esperienza consolidata, studio, passione, le armi della trasmissione della cultura. Non quindi tradizione resa folcloristica, ma memoria conservata che ancora, impaziente, come una ragazzina al primo appuntamento, si presenta con dignità, discrezione, e attende, forse invano, forse no, di essere colta in flagrante, di essere rigenerata, rielaborata.

La poesia, oggi, ha il dono della rivelazione, ma necessita di occhi svegli e pronti al capovolgimento di qualsivoglia prospettiva. Al di sotto del fiume Cantagalli, i miei piedi si adagiano ai piedi un uomo che mi porta a pensare al tempo che passa e con esso alla responsabilità e ai doveri che le nuove generazioni dovrebbero mantenere sempre ben saldi, oltre ogni superficie e artificio, badando al fatto che quel suolo,  ricoperto negli anni ’50 da politicanti attratti da modernismo è lo stesso suolo che ieri ha visto il peso dei piedi di chi oggi si trova in custodia cautelare in carcere. La poesia profetica di colui che recitava nei suoi versi fatti di damaschi sui balconi dinanzi all’onorevole che torna calabrese, serve a capire quanto in essa niente di più grande e rivoluzionario possa esserci. Serve a capire che la poesia è dappertutto e che quindi siamo noi i custodi di essa, ma dobbiamo mantenere vigile il nostro sguardo, dobbiamo camminare mantenendo l’equilibrio su di un filo sottile, quasi invisibile, e necessario quanto rischioso, ed è quello che lega ieri a domani.16441613_1618874381472515_626263907_n

Se di politico nelle giunte comunali di svariati decenni non è rimasto, o forse non c’è mai stato, niente, non è forse giunto, adesso, il momento di attaccarci alla poesia quale strumento persuasivo per eccellenza per fare politica? Ed ecco che di un museo, chiuso perché si è deciso di non darlo in gestione gratuita a chi da anni lo ha gestito degnamente, non è rimasto che una scatola chiusa, si certamente intonacata a dovere da colori accesi, ma piena di polvere, di cattivo odore, una scatola dimenticata. Ed ecco che, la poesia, oggi si china nei suoi sforzi fisici, per alzare una piccola saracinesca e per mostrarsi, di nuovo…ma noi siamo abbastanza forti da poterci ancora innamorare di lei?

Siamo il paese dalla memoria corta,

siamo il paese dei bamboccioni

che oggi ricordano

e domani dimenticano

siamo il paese della vergogna

mai abbastanza vergognosa

da poterci alzare

andare via

indignarci

ma sul serio

mai abbastanza vergognosa

da poter camminare

soli

e a testa alta

il paese degli onorevoli

delle processioni

del folclorismo

siamo il paese di chi urla solidarietà

a chi ci affossa 

Valeria D’Agostino

(In foto il professore Umberto Zaffina che ringrazio per la piacevole passeggiata nel centro storico di Sambiase, Lamezia Terme, con tappa finale all’interno del suo nuovo spazio poetico).   

16426433_1618874454805841_1438158408_n   16467178_1618874311472522_1022742485_n

Valeria D'Agostino

Giornalista pubblicista

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.