Ti consiglio un libro: Noi credevamo. Il Risorgimento tradito
Ti consiglio un libro: Noi credevamo. Il Risorgimento tradito

Ti consiglio un libro: Noi credevamo. Il Risorgimento tradito

È il 1883. Chiuso nella sua casa torinese, l’ormai settantenne don Domenico Lopresti, gentiluomo calabrese di incrollabile credo repubblicano, inizia a scrivere le proprie memorie, tra rimpianti, lacerazioni, verità dimenticate, memorie perdute e occasioni mancate.

Questa, in estrema sintesi, la trama del romanzo di Anna Banti, Noi Credevamo, uscito nel 1967: un libro quasi dimenticato, per molto tempo, riportato alla memoria grazie all’omonimo film di Mario Martone ( con un sempre bravissimo Luigi Lo Cascio).
Un libro che fa male, un volume che penetra a fondo nell’animo, perchè tocca un nervo scoperto del nostro Paese: l’Unità d’Italia. Un evento che ancora oggi non è visto nella sua giusta luce, diviso com’è tra la retorica delle celebrazioni e il revisionismo dei “post-borbonici”.
Beh, questo libro riesce a fare luce su quel periodo così contorto e fondamentale: illumina gli angoli bui del movimento risorgimentale, le sue contraddizioni, la grande forza del movimento repubblicano, poi “tradito” dai moderati e da alcuni dei repubblicani stessi, che si misero nelle braccia del “lontano Piemonte” che parve- ma non fu solo un’impressione- sostituire un regime con un altro. Mostra senza pietà il distacco fra le teorie per la costruzione di un paese e la mentalità arretrata e immiserita del popolo: due realtà che non fecero insieme il Risorgimento, ma lo subirono.
Co una prosa scarna, sofferta, a metà tra romanticismo e verismo, Anna Banti ( il cui vero nome era Lucia Lopresti) ci permette di penetrare a fondo nell’animo di un convinto repubblicano, ci mostra la sua vita di sconfitto nella vittoria, ci trasmette l’amore per la sua Calabria,”bella e perduta”, ci spalanca le porte delle sofferenza di coloro che lottarono, e alla fine si videro traditi, ci mostra i grandi uomini del Risorgimento in una luce più completa e sfaccettata- memorabili le figure di Garibaldi, del Duca Castromediano e del patriota calabrese Musolino, pur così diversi- ma lancia un messaggio di speranza: per “don” Domenico, comunque, tutto è valso la pena, e la sua negatività e il pessimismo di un vecchio prossimo alla morte non scalfiscono questa consapevolezza.
Perchè in fondo i grandi eventi sono una metafora della vita: semi fioriti in mezzo alla morte e alla disillusione.
Memorabile la chiusura del romanzo, che suggella tutto il libro in una frase straordinaria, per uno dei romanzi più belli della letteratura italiana:
“Non è stato troppo tardi se ne ho ottenuto di avere tutta la mia vita davanti agli occhi, un campo di battaglia in azione, e gli onori della giornata sono ancora incerti. Non ho taciuto né risparmiato nulla, infanzia, gioventù, famiglia, amicizie, le mie responsabilità e quelle degli altri. Le ho passate al setaccio e non ho rintracciato l’errore in cui siamo caduti, l’inganno che abbiamo tessuto senza volerlo. Pisacane seppe far meglio e se sbagliò trovò misericordia nella morte. Io l’aspettavo a Montefusco e lei passò via, dandomi appuntamento su questo letto di vecchio.
Ma io non conto, eravamo tanti, eravamo insieme, il carcere non bastava; la lotta dovevamo cominciarla quando ne uscimmo. Noi, dolce parola.
Noi credevamo…”

Buona lettura!

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.