A te voglio donare

  •  
  •  

A te voglio donare il mare, le stelle e la luna

A te voglio donare quei monti azzurrini che cingono gli orizzonti

A te voglio donare, con tutto me stesso,

perché’ solo così posso rendere giustizia al mio sentimento,

l’opale e la luna, l’inchiostro delle onde e i petali della fioritura,

A te voglio donare i miei sogni e voglio ricevere in dono i tuoi fantasmi,

di cui avrò cura fin quando diverranno miei amici.

A te voglio donare i ricordi di infanzia, che sono i più cari e colorati,

i più gioiosi e immacolati. A te voglio donare la neve dei monti,

e il calore del focolare su cui bollivano le castagne.

A te voglio donare la minestra che preparava con tanta maestria mia nonna,

i frutti degli alberi dei cachi e i fichi che crescevano affianco la pergola dei miei natali.

A te voglio regalare il Natale, di quando ero bambino, il pino in cucina,

i regali incartati e la cena e tutti gli invitati. A te voglio regalare la sfera del globo,

gli oceani e le tempeste, la bufera che ammanta, il fuoco che arde e consuma,

e tutti gli elementi. A te voglio donare tutto, me stesso innanzitutto,

perché solo attraverso te che ho preso forma, un caos

a cui dato gambe per camminare, mani per accarezzare,

occhi per vedere e labbra per baciare, te,

mia unica, donna.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.