Alla ricerca del sole imprigionato. A Forlì il festival Crisalide dall’1 al 10 settembre

Danza, musica, teatro, incontri di studio, workshop e laboratori per la XXIV edizione del festival Crisalide – Il sole imprigionato, in programma dal 1° al 10 settembre e dal 2 al 5 novembre a Forlì, ideato e diretto dalla compagnia Masque Teatro. Un appuntamento dedicato alla ricerca e all’esperienza di nuovi linguaggi performativi che si terrà nel Teatro Felix Guattari, ricavato nell’ottocentesca Filanda Maiani, insieme ad altri luoghi significativi della città romagnola e del territorio, come la Fabbrica delle Candele e il Punto Donna.

2meytal

Meytal Blanaru, Aurora  

“Quanto di ciò che sono appartiene al mio essere o alla educazione che mi ha forgiato?”

 

Dalla materia sonora indagata da Kafka e La Monte Young all’(in)esprimibiltà dell’irrazionale, passando per una performance musicale di 24 ore e la filosofia della natura, il programma si presenta denso di spunti e propone numerose occasioni di dialogo con artisti e intellettuali della scena nazionale e internazionale.

Link al programma completo

http://www.crisalidefestival.eu/17.php

 

 

 

[quote]

Il sole imprigionato è il titolo dell’ultimo capitolo del libro dedicato da Michel Foucault a Raymond Roussel. Le parole di Foucault serrano in modo preciso la consistenza di questa immagine. Non è difficile scorgere nel giovane Roussel intento a scrivere la sua prima opera, “La Doublure”, chiuso nella sua cameretta con le serrande socchiuse per non far uscir i raggi che sentiva promanare dal suo corpo, la figura di tutti coloro che nel buio e nella solitudine, cercano di aprirsi un varco verso una nuova via. Improvvisamente è come se tutto fosse radioso, la realtà si piega sotto la pienezza di un ardore che solo raramente abbiamo la fortuna di vivere e che sempre in ogni scena della nostra vita rincorriamo. Così è per noi.

Così è stato per Roussel.

Lorenzo Bazzocchi, Masque Teatro

[/quote]

La foto in evidenza è di Enrico Fedrigoli, Just Intonation – Masque teatro

Daniela Costanzo

Archeologa. Bibliofila. Abibliofoba. Lettrice vorace, scrive fin da quando è in grado di farlo, ma declina puntualmente la responsabilità di spiegare i contenuti, con l'elegante pretesto che "la penna ne sa di più di chi scrive".

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.