C’è stato un tempo 

in cui le foglie cadevano docili.

C’è stato un tempo

in cui l’acqua leniva il dolore,

fragile e imperitura.

Nel passo insicuro 

su pietre antiche,

nel vento sferzante e flautato.

Tra pezzi di storia abbandonata

sentire i versi delle guardiane della notte.

Il tempo degli orizzonti 

e delle radici.

Di parole biascicate e sepolte.

Di tutto quel che resta 

io ne traggo storie 

per incantare le notti più oscure.

 

Ilaria Pellegrini

"Se leggo un libro che mi gela tutta, così che nessun fuoco possa scaldarmi, so che è poesia. Se mi sento fisicamente come se mi scoperchiassero la testa, so che quella è poesia. È l'unico modo che ho di conoscerla. Ce ne sono altri?" E. Dickinson

  • reply Federica ,

    Bellissima. Mi ha fatto provare nostalgia di quella tranquillità che si prova in un piccolo paesino, e che in un paese differente non troverò mai. La tranquillità nata dalla semplicità che più passano gli anni e più sparisce, e quindi puoi solo ricordarla. Bravissima Ilaria.

    • reply Ilaria Pellegrini ,

      Fedeee grazie <3

    • reply Valeria ,

      Bellissima.

      • reply Ilaria Pellegrini ,

        Grazie mille Vale!

      Leave a comment

      • ©2016 Manifest. Tutti i diritti sono riservati agli autori delle singole opere.
      • Il blog è stato realizzato da Siti Web Torino.