Hai visto l’assurdo nulla.

Linee verticali

di antichi cieli plumbei.

Hai imparato a raccogliere 

la candida luce,

mentre si posa 

sui tuoi gesti inconsistenti .

In pallide stanze

hai toccato desideri

avviluppati alla vita.

Hai disegnato contorni immaginari,

abbracciando nuovi uragani,

con la sola certezza 

del tuo oscillante respiro.

 

Ilaria Pellegrini

"Se leggo un libro che mi gela tutta, così che nessun fuoco possa scaldarmi, so che è poesia. Se mi sento fisicamente come se mi scoperchiassero la testa, so che quella è poesia. È l'unico modo che ho di conoscerla. Ce ne sono altri?" E. Dickinson

Leave a comment

  • ©2016 Manifest. Tutti i diritti sono riservati agli autori delle singole opere.
  • Il blog è stato realizzato da Siti Web Torino.