La puntina è vicina alla fine del disco,
il mio bicchiere è vuoto,
come vuoto è questo immenso cielo
che suona nei meandri della mia mente
un blues che mestamente fa da colonna sonora ai miei pensieri.

La fiamma della candela intensamente brucia,
la poca luce che genera
basta
per far risaltare la mia ombra sul parquet,
oscura e nera come il manto di un corvo
che vola sul mio respiro e si posa su un ramo del mio cuore.

Un rumore martellante ruba la mia attenzione il rubinetto non smette di gocciolare,
e mentre una goccia lentamente cade,
mi specchio, mi guardo dentro, e capisco che
vedo ciò che guardo
ma non guardo ciò che vedo..

Roberto D'Amico

"Il mio DNA è scritto su un pentagramma, o non c'è altra spiegazione." Grande appassionato di Musica, Cinema, Arte e Scrittura.
"..Chiedo il vostro permesso per entrare e raccontarvi altre storie.."

Leave a comment

  • ©2016 Manifest. Tutti i diritti sono riservati agli autori delle singole opere.
  • Il blog è stato realizzato da Siti Web Torino.