Frammenti – Minimal Californian Poetry #2

Versi sparsi, riassemblati, tratti da: “San Francisco Blues. 71 Poesie” – Jack Kerouac, ed. Mondadori, trad. Massimo Bocchiola.
Immagine in evidenza: Marker California – Doug Ohlson, 1986


Pensiero n.4
– Non hai fardelli da portare, perché non te ne vai? –

1.
Grandi Principesse Peruviane
imbarazzate ma implacabili
si affrettano con il fagotto
nella livida luce della strada
e mostrano a chi guarda
non più squarci,
ma canti! Poesie!

Una volta ho visto un gigante

col mio angelo custode

verso i viali dell’alba

2.
Rossi capelli selvaggi
chi ti ha detto di crescere?
Che sei libera in tutto,
solo per una bugia
il primo Agosto
quando è morta l’estate
nel Cameo Hotel
la tua notte d’amore

3.
Sulla mia barca grigia
sedemmo & chiacchierammo di mondi infiniti –
come una scivolata, come neve

4.
Mi è caduto addosso un ghiacciolo
e ho gridato
nelle nubi di latta
come bolle nel vuoto

5.
Tutti i tuffatori
sono liberi di pensare
insensatamente nel mio petto –
Scappano quando apro la porta,
ma non ci casco

6.
Luna a testa in giù
come le mie speranze perdute
nei vapori per le vie grigie
sullo sfondo di qualunque momento

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.