•  
  •  

Il 25 novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Ogni anno i Centri Anti-violenza organizzano sit- in, aprono sportelli, in solidarietà verso quelle donne, sempre in aumento in Italia e nel mondo, che subiscono violenze di ogni tipo a causa, quasi sempre, di un familiare o un amico. Le associazioni culturali e tutte le agenzie educative, ogni 25 novembre, si mobilitano per ricordare l’importanza del rispetto e della dignità umana, mediante più manifestazioni. Le scuole, in particolare, creano convegni a tema. Ma il silenzio, di cui le donne in questione sono circondate, per paura, non consente ancora una denuncia ampia. Ed è lo stesso silenzio che si assorbe fra le mura domestiche. Ma la violenza, oltre a quella fisica, è anche e soprattutto psicologica. Ripudiamo, dunque, ogni forma di violenza verbale e ogni forma di dipendenza che possano arrecare traumi psicologici.

Oggi, in Italia, causa il Governo dell’odio e dell’intolleranza, la violenza sulle donne è spesso addossata agli stranieri. Ma i dati e le fonti ufficiali, di statistiche, tutti allarmanti a cominciare dai primi mesi dell’anno, dimostrano che non c’è colore che predomina sull’altro. Ogni uomo che compia violenza su una donna è un uomo sconfitto. 

In occasione del prossimo 25 novembre rendiamo accessibile il nostro portale a tutti coloro che vogliano esprimere la loro voce in merito, per raccontare una storia, un pensiero, una riflessione.

 

(Per inviare il tuo contributo scrivici su fb oppure manda una mail : info@manifestblog.it )

Di Valeria D'Agostino

Giornalista pubblicista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.