A Lamezia nasce “Ormeggi” il primo festival Letterario ideato da giovani, dal 15 al 17 marzo

Le forze giovanili della città ci riprovano, questa volta unendo più realtà, col solo scopo di diffondere cultura e bellezza. È il festival Letterario Ormeggi, che dal 15 al 17 marzo terrà vivo il centro cittadino. I libri, il mezzo di comunicazione costante, la letteratura quale ancora di salvataggio. In questo discorso non può che rientrare, per vocazione, anche lo spirito del viaggiatore, del nomade, ch’è in “Manifest”, non resta a questo punto che augurare a tutti: “buon viaggio, buon inizio”.

Sbarca nella città della Piana Ormeggi. Festival letterario di Lamezia Terme, ideato da Open Space – Associazione culturale in seno al progetto Impressioni Mobili. Il direttore artistico della kermesse e’ Simona Viciani, voce italiana del poeta statunitense Charles Bukowski. Gli eventi del festival si svolgeranno dal 15 al 17 marzo 2019 in tre diversi luoghi della citta’: Chiostro Caffe’ Letterario (Piazzetta San Domenico), Sistema Bibliotecario Lametino (Piazza Tommaso Campanella) e TIP Teatro (via Aspromonte).

Il programma di questa prima edizione si articola attraverso incontri con scrittori di caratura nazionale, ospiti dal mondo dello spettacolo, laboratori di scrittura e lettura, dibattiti, laboratori di fotografia, performance artistiche e musicali. Inoltre, nel corso del festival, Simona Viciani presentera’ in anteprima nazionale Taccuino di un allegro ubriacone (Guanda, 2019) di Charles Bukowski. E in serata, al termine degli incontri, partira’ il Dopo Festival (presso il bar Bottega 89), il momento di intrattenimento in cui si parlera’ con un linguaggio piu’ ironico e distensivo dei temi e del dietro le quinte della giornata.

Gli ospiti presenti alla prima edizione di Ormeggi Festival letterario di Lamezia Terme sono: Andrea Carlo Cappi (conosciuto con gli pseudonimi di Francois Torrent, Alex Montecchi e Andrew Cherry, che portera’ il libro Black Zero, Cordero 2018), Laura Mancuso (In volo senza confini, Corbaccio 2009), Maria Attanasio (La ragazza di Marsiglia, Sellerio 2018), Raffaella Ranise (I Romanov, Marsilio 2018), Leonardo Fredduzzi (La venere di Taskent, Voland 2018), i maestri Giovanni Borelli e Domenico Caruso, Daniela Grandinetti, il collettivo Manifest e Giovanni Mazzei (Dicerie poetiche) e Francesco Villari ed Elmore Penoise (Quello sporco duo). Il festival letterario, primo nel suo genere nella citta’ di Lamezia, sara’ un contenitore di esperienze letterarie che abbiano come filo comune il viaggio. L’erranza verra’ proposta sotto diverse sfaccettature, prendendo in esame il viaggio verso l’altro, il viaggio verso se’ stessi, i legami e le reti che i libri creano nella comunita’ di lettori trasportandoli da un punto all’altro senza che sia sempre necessario muoversi fisicamente. Pertanto, i questi tre giorni tutti gli attori che ruotano intorno al libro, inteso come scialuppa, imbarcazione salvifica, si confronteranno in maniera distesa e volta alla condivisione delle esperienze personali. Tant’e’ che il motto di questa prima edizione e’ l’evocativo “Un libro ti salpa la vita!”.

 

Valeria D'Agostino

Giornalista pubblicista

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.