“Il rumore del mondo” il nuovo album di Carmine Torchia è un mix di raffinatezza, tatto e spirito critico, il live a Lamezia sabato 23 marzo

Locandina ufficiale dell’evento
(Graphic DD)

Il rumore del mondo è il nuovo album di Carmine Torchia, uscito lo scorso novembre. 

Sabato 23 marzo alle 21 il live al Tip Teatro di Lamezia Terme 

 Anticipato da tre singoli – Tu chi sei? Da dove vieni? lo scorso novembre, Come rondini, presentato a febbraio da Sentireascoltare, e Guido, l’incompreso, pubblicato ad aprile – Il rumore del mondo segue a distanza di tre anni Affetti con note a margine. Carmine Torchia torna all’opera con un disco necessario, fuori dagli schemi rispetto al mercato discografico italiano contemporaneo ma proprio per questo capace di calzare a pennello i tempi che corrono e di raccontare il mondo esteriore e interiore con raffinatezza, tatto e spirito critico. Torchia rinvigorisce la tradizione italiana cantautorale senza appiattirsi sugli stilemi più conosciuti del genere ma proponendo con personalità una propria via alla canzone d’autore, che sa guardare alle influenze estere e arricchirsi di scelte strumentali curate e mai in secondo piano rispetto all’aspetto lirico. Sia che  si affidi a poche note di chitarra, sia che confezioni i propri brani con organi hammond, synth frizzanti o batterie incalzanti, l’artista calabrese mostra una capacità di scrittura pregevole e sapiente. Da un punto di vista lirico, ancora una volta Carmine riesce a disegnare un mosaico multisfaccettato di emozioni e racconti: dalle storie di migranti di Come Rondini al tributo accorato a Peppino Impastato di … e sale quanto basta, passando per la nostalgia di un amore appiattita dalla routine di Guido, l’incompreso o per l’ispirazione che da un poema di Le Corbusier ha portato a Tu chi sei? Da dove vieni? , l’artista di Sersale narra gesta umane carpendone i tratti più intimi, gli istinti più sopiti e i particolari meno prevedibili. Lì dove gli altri usano retorica, Carmine trova originalità; laddove appare solo semplice quotidianità, Torchia svela la poesia. In coda poi, ne L’ultima Canzone, un testo inedito di Léo Ferré, tradotto per Torchia dalla figlia dello chansonnier, Manuela, viene portato a nuova vita, come se provenisse da un altrove indecifrabile ma proprio per questo terreno. Anche l’artwork del disco è a cura del musicista e ritrae il cane anarchico e sociale narrato in Rùanzu, il cane, a conferma dell’estro poliedrico dell’artista calabrese. Il rumore del mondo è un disco che pone domande e cerca risposte, regala poesia e sa trovare sempre un pizzico di agrodolce ironia. Come la vita. Il rumore del mondo è stato scritto, prodotto e disegnato da Carmine Torchia.

 

Carmine Torchia 

E’ uno che scrive canzoni e aforismi; disegna spesso un cane anarchico e fantasioso. Produce dischi (suoi e per altri), scrive musiche per il teatro e per il cinema, mette in musica i poeti. I suoi interessi spaziano dal design all’architettura passando per le arti grafiche. Ha girato, cantato e suonato per strada e nei club in un viaggio chiamato Piazze d’Italia (sulle tracce di de Chirico), un tour durato quattro mesi, per un totale di circa 9000 km percorsi, 130 ore di viaggio. L’incredibile esperienza di Piazze d’Italia diventa un libro (Prospettiva editrice), un cortometraggio e uno spettacolo teatrale.

Premio SIAE e Premio AFI a Musicultura, ha pubblicato: Mi pagano per guardare il cielo (2008, Castorone), Alterazioni (2010, Evento Area), Bene. (2013, Rurale/ Audioglobe), Affetti con note a margine (2015, Private Stanze/Audioglobe).

Ha portato in giro Bene. – genesi di un album cantato e raccontato un anno dopo e Affetti con note a margine – lettere non spedite dai paraggi del rock, riduzioni teatrali dei dischi omonimi.

Valeria D'Agostino

Giornalista pubblicista

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.