•  
  •  

 

Per ritrovare l’essenziale occorre allontanarsi dalle vanità.

Sono giorni particolarmente caotici, questi, giorni di sveglie all’alba, di notti insonni, di occhi gonfi, di guance stressate e di schiene e teste doloranti.

Sono giorni di telefoni fissi che squillano, giorni d’estate di feste e funerali. Giorni di estrema solitudine , di dolore senza una narrazione legittima, senza punti senza tregua. Giorni in cui il mondo intorno continua la sua bella parte di collezionista di gialli incallito, o di qualunque altra cosa. Disattento, ostile, incapace di ascolto. Un mondo, tutto intorno a me, a noi, sempre più squallido.

Il fatto che ci sia qualcuno da un’altra parte che stia provando le stesse cose, che stia riempiendo le ore della mia stessa disperazione mi fa sentire meno sola…ma è alla gioia che dobbiamo pensare!

Caffè, giornale, caffè e giornale.

“La paura si sconfigge con l’amore” mi ha detto ieri una faccia amica…

Ed io ci penso all’amore, ci penso ancora all’amore.

Di Valeria D'Agostino

Giornalista pubblicista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.