Nel placido sorriso della morte

Nel placido sorriso della morte
ti volti, spargendo fiori arancioni 
(il colore della morte) sul tremore
dei miei passi stanchi.

Nella penombra di una fredda stanza 
la prigionia di una degenza assume,
quasi, l’aspetto di un’attesa, recando con sé
il tepore di un incontro sperato.

Annaffiate – oh voi che li troverete – 
i miei secchi fiori; rinnovateli:
portandoli lontano da me.

Esiste pur sempre – seppur 
appaia complessa – 
una passionale miseria,
un pathos antico 
che smuove le aride foglie
ignorate dal vento.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.