La Calabria al primo posto per numero d’imprese con certificazione biologica

Ogni tanto arriva qualche primato positivo per la Calabria. È il caso di dirlo e, forse, di sottolinearlo maggiormente in pieno periodo elettorale – in giorni di finti comizi, promesse reiterate, manifestazioni a sostegno di o contro chi – in cui il settore dell’imprenditoria, e nello specifico dell’imprenditoria agricola, è investito da qualche riflettore. Non è da sottovalutare, a tal proposito, quanto troppo poco si parli, ancora, delle positività calabresi, soprattutto con un Matteo Salvini che, quanto meno, ha avuto l’acume (in che modo e perché, poi, è un altro discorso) di incontrare le varie Coldiretti, Confagricoltura ecc. lanciando addirittura l’idea di un «assessorato all’agricoltura di montagna». Della serie: da quando, noi (e la cara dispersa sinistra), abbiamo lasciato alla Lega campo libero in merito alla nostra agricoltura? Ma questo è un altro discorso.

Oggi la notizia – riportata da Ansa e dalla Gazzetta del Sud – è che delle sessantamila imprese bio certificate in Italia (di preciso 60.317) il 52% proviene dal Sud. La Calabria al primo posto, con 7.471 imprese. Subito alle sue spalle la Sicilia, 7.360 e poi la Puglia, 6.581. Quest’ultima detiene invece il primato per quanto riguarda le città: Bari al primo posto con 2.881 seguita da Reggio Calabria, 2.043 e da Cosenza, 1.908.

Dati, dati e numeri, chiaramente, che andranno contestualizzati, di volta in volta, alle varie realtà regionali e territoriali, alle criticità e problematiche del settore, pure presenti, e ai quali, tuttavia, si aggiungono anche i dati positivi per quanto riguarda l’occupazione giovanile e, più nello specifico, femminile: il 12,5% di tutte le imprese bio nazionali sono infatti gestite da imprenditori under-35. «Le imprese femminili, invece, sono il 28,5%, oltre 6 punti percentuali in più del loro peso sull’intero sistema produttivo nazionale» (GdS).

A livello provinciale, ancora, si attestano prime in classifica rispettivamente: Crotone, Vibo Valentia, Matera, Rieti e Reggio Calabria. Lo studio è di Unioncamere e InfoCamere, eseguito sui dati del registro delle imprese delle Camere di commercio e di Accredia.

Eppure di tutto ciò, non ne parla Salvini. Come non ne parla la Sinistra.

error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.