Ti ho sognata, forse eri tu.

Di corsa recupero le pagine di questo presente che mi sfugge,
raccolgo i frammenti di un’esistenza appesa ad un sospiro, a quell’attimo ancora nascosto,
tra i binari di una stazione e i passanti che scrutano il vuoto dei miei pensieri.

Mi sono perso più tardi, tra una foglia arancione e i segni del suo volto che non conosco,
bruciando una sigaretta, affogando in un bicchiere.

Ho steso alla luce dei lampioni un fragile verbo, disciolto sotto un cielo notturno di pioggia.

Occhi azzurri, occhi marroni, un filo d’argento tra i capelli biondi. Non m’importa di domani.

Ti ho sognata, forse solo immaginato, ma eri tu anche quando ho scordato il tuo nome.

error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.