Come un papavero.

Schiva. Come un papavero, alto e fiero, ai margini
di una via, cresciuto sull’asfalto. Fra i sassi e un campo di grano.

Salutando le stagioni, raccogliendo meraviglia.
Tra sguardi di stupore, un tocco delicato e
un raggio di sole.

Fragile, come una goccia di rugiada che si posa
sui suoi petali rossi all’alba di un giorno di maggio.

error0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.