•  
  •  

Chiaramente, “ex inediti” in quanto è possibile trovarli in un vecchio numero di Calabria Letteraria – Gabriele Pizzuti, Due inediti di Michele Pane in “Calabria Letteraria” n. 2-3-4 (1972) – che ho avuto il piacere di rispolverare negli archivi della Biblioteca Comunale di Lamezia Terme. Per quanto mi risulta, i due componimenti – che Pizzuti, emozionato, dichiara di aver trovato su un dattiloscritto firmato dal poeta in compagnia di altre tre poesie già conosciute – non sembrano esser stati mai più ripresi in altri lavori dedicati al poeta di Adami, né nella recente biografia di Musolino (che pure ha avuto il merito di approfondire con oculatezza e con rigore da vero storico l’intera vita di Michele Pane: Michele Pane. La vita, Decollatura, 2011) né tantomeno nell’imprescindibile antologia di Rubbettino curata da Falcone e Piromalli (Michele Pane. Le poesie, Rubbettino 1987)

Mia unica intenzione è qui riproporre le due poesie in modo da restituirle a tutti con la comodità della rete. Non mi dilungo ulteriormente nella vicenda perché l’articolo di Pizzuti, pur se risalente a quasi cinquant’anni fa, è chiaro ed esaustivo, tanto nel collocare le due poesie all’interno della produzione poetica di Pane, quanto nel commentarle criticamente con la giusta attenzione e offrendo anche le immancabili note lessicali. Invito caldamente, dunque, a procurarvi l’articolo in questione per qualsiasi approfondimento. Molto più recentemente (2016-2017) – leggo da una ricerca su internet – delle due poesie ha fatto cenno Sergio Chiatto in alcune conferenze (https://www.ilreventino.it/incontro-rotary-conversazione-sergio-chiatto-michele-pane-poeta-della-nostalgia-non-solo/https://www.i13canali.it/news/mchele-pane-poeta-nostalgico-ma-non-solo-di-sergio-chiatto/).

Già Pizzuti nota che «L’una delle inedite, dal titolo Cinquant’anni! (dunque databile al 1926, essendo il poeta nato nel 1876), prevale sull’altra per la vena briosa e sbrigliata che l’accosta ai componimenti di Peccati. (Dopo l’ultimo verso ha l’annotazione “Da Garofani sanguigni e spine di passione”, progetto di raccolta non attuato). La seconda, benché anch’essa di lettura gradevole, non è altrettanto felice, ma è importante per la biografia dell’autore» (n.d.r. perché si riferisce all’incarico che Michele Pane e l’amico Mario Pellegrini ottennero nel 1928 come notai presso la contea di Cook).

Cinquant’anni

‘Na vota puru io facìa llu gappu,
tirava ‘mpalla… fumu de la pippa
e me parìa ‘nu juocu pemmu zappu
tirrienu margiu e picunìju scippa:
‘na vota puru io facia llu gappu.

E ardìa diciennu “fìmmina” mu ‘ncappu,
nun me sturdiadi s’era zoppa o strippa;
chista l’acchiappu, chilla mi la scappu,
e cchi pieju, si pue l’inchja lla trippa!
c’ardìa diciennu “fimmina” mu ‘ncappu.

Alle junte vivia, fàndule a cuoppu,
e ogn’acqua me parìadi ‘nu gileppe;
le cchjù sarvagge stacche, allu galoppu,
io l’addomava e mò? … chi ‘nd’eppe ‘nd’eppe!
Alle junte vivia, fàndule a cuoppu.

D’ ‘e vacche grasse, tutte chjappe e chjppi,
d’ ‘e crape lente, tutte lana e tuppu,
benedicu lu latte chi me vippi:
(ohi, cumu seppe!) me sanau llu gruppu:
benedicu lu latte chi me vippi!

Moni, si muntu ‘nsella, mi cce aggrappu
e trappu e strappu, scivulandu ‘n gruppa;
me scatrieju, si vaju pemmu zappu,
la pippa mi se ‘ntippa, ‘ntappa, ‘ntuppa…
Moni, si muntu ‘n sella, mi cce ammappu!

Sìequitu a passu… ma no’ cchjù a galoppu,
nun su cchjù Ddon Ciccillu, né Ddon Pippu,
fràtema biellu, cchi se fadi!… doppu:
“Tuppi, tuppi!” la Morti, e mi l’allippu.
Sìequitu a passu… ma no’ cchjù a galoppu.

Vela de la mia varca, vientu ‘mpuppa!
Sciruppàmune mo’ l’urtima coppa:
tisi e pronti ppe’ quandu la ‘mbiluppa
niura d’ ‘a ‘ngrata “Cozzicupa” scoppa.
Vela de la mia varca, vientu ‘mpuppa.

Notari privileggiati

A Mario Pellegrini
amico carissimo – compagno
di lavoro e collega in JURE

Doppu tant’anni, nue li due livrieri
privileggiati ne simu notari.
Sia laudata la Matri dei Pilieri,
chi de li spari ne cacciau alli ‘mpari:
doppu tant’anni, ch’eramu livrieri.

Nue carculati fumme sempre zeru:
ma – grazie ad Illa – le cose cangiarû!
Simu notari – e nun me pare veru –
‘ntantu le crozze a nue ni se pilarû…
ccu lli “strumenti” sempre allu pensieru!

Dàtine carta pinna e calamaru!
ca simu piezzi gruossi ppe’ daveru…
proto-notari de “CUCCU” e lli pari
tu nu’ lle truovi ppe’ CECACU ‘nteru:
dàtine carta pinna e calamaru!

E mu la pinna sia lucrusa e puru
lu calamaru mu chjuovi dinaru!
Nue nun cacciamu “strumenti” allu scuru,
ma ccu llu chjiaru e ‘nde volimu caru,
CA NE PIACE L’ARRUSTU E NO’ L’ADDURU!

 

Di Domenico Benedetto D'Agostino

Sono nato nei giorni della Merla, trent'anni fa. "Vivendo per capire perché vivo, scrivo anche per capire perché scrivo: e vivo per capire perché scrivo, e scrivo per capire perché vivo:" [E. Sanguineti]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.