Mercoledì 3 marzo presentazione del libro “Parole nel deserto della migrazione” di Ayman Al-Bawab

  •  
  •  

Segnaliamo con piacere la presentazione online della prima raccolta poetica del nostro caro amico Ayman Al-Bawab (più volte pubblicato sulle colonne di questo blog). Il libro esce per Youcanprint in questi giorni ed è curato dalla Biblioteca Galleggiante dello Spettacolo del TIP Teatro, all’interno dei suoi “Quaderni“. Proprio gli amici del TIP hanno avviato negli scorsi mesi un accurato lavoro di traduzione sui testi in arabo di Ayman, soprattutto con il preziosissimo ausilio di Naima Fadil, operatrice e mediatrice culturale che da anni svolge un importante ruolo all’interno del processo d’integrazione culturale in tutto il territorio lametino. La prefazione è dell’altra nostra cara amica e scrittrice Eliana Iorfida.

La presentazione è fissata per mercoledì 3 marzo dalle ore 16:00 e si terrà online, su Facebook, in diretta sulla pagina della Biblioteca Galleggiante dello Spettacolo.

3 marzo h 16:00 | pagina Facebook @BibliotecaGalleggiante
La #BibliotecaGalleggianteDelloSpettacolo e il #TIPTeatro, in collaborazione con #ManifestBlog, presentano la silloge poetica di Ayman Al-Bawab:
“Parole nel deserto della migrazione” (2021) è il secondo “Quaderno” curato dalla Biblioteca Galleggiante”. Il libro, già acquistabile su diversi store online, sarà presto disponibile al #TIP per la vendita. Muhammad Ayman Sorri Bawab è un poeta siriano, nato a Homs il 15 dicembre 1958 e dal 2011 rifugiato di guerra. Dopo un soggiorno di sei anni a Beirut è giunto in Italia, a Lamezia Terme (CZ) dove è ospite con sua moglie del progetto Sprar “Due Soli”. “Parole nel deserto della migrazione” è la sua prima pubblicazione.

Domenico Benedetto D'Agostino

Sono nato nei giorni della Merla, trent'anni fa. "Vivendo per capire perché vivo, scrivo anche per capire perché scrivo: e vivo per capire perché scrivo, e scrivo per capire perché vivo:" [E. Sanguineti]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto