Lilium Sige

Canto, canto del deserto
epiced-io il cui verso
che sollecita e allevia
l’auspicato travaglio

solleva col suo afflato
ogni granello del firmamento
disvelando la sagoma
della diafana Ancella:

dalla sua otre
stretta contro il turgido seno
riversa le sacre acque
della notte

per l’abluzione
del mio spirito chino
al suo cospetto

da Lei battezzato
baciandolo col triplice bacio
come -Giglio del Silenzio!

 

                                                                                                  Lilium Sige

Brano consigliato:https://www.youtube.com/watch?v=Zjyqg97lj3w

Dipinto:Henri Fantin-Latour, White Lilies, 1877

 

Facevo il quinto superiore quando mi ritrovai, con sorpresa, a scrivere la mia prima poesia che ,con quei versi, entrò in punta di piedi nella mia vita per poi diventarne, a poco a poco, un aspetto d'assoluta indigenza. Qual è il motivo per cui scrivo? Ebbene, scrivo per ritornare a Casa con la speranza che, nel farlo, possa portarci anche te che ora stai leggendo...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.