Il suono dei ricordi

Questo scritto è nato stamattina per caso.

All’università, durante il corso di scrittura creativa, il prof, come esercitazione ci ha detto di pensare ad un oggetto a cui siamo particolarmente legati e di descriverlo, non dal punto di vista fisico, ma piuttosto ciò che esso suscita, e così è uscito questo scritto, che ho successivamente letto ad alta voce.

Era la prima volta che leggevo un mio scritto davanti ad un pubblico ed è stata una sensazione strana.  Read more




Guardo l’orizzonte

Guardo l’orizzonte.
Stimolato delle mie debolezze e rafforzato dai miei limiti, da delusioni ed incertezze che mi hanno motivato a trovare delle risposte. Riprendo il mio cammino. Riparto, vado avanti.
Guardo l’orizzonte.
Oltre quei dubbi che mi imprigionavano nel mio silenzio e in una sorta di inettitudine, vedo il sole che splende.
Guardo l’orizzonte e mi chiedo cosa c’è oltre.
Riuscirò mai a saperlo?
L’orizzonte è un punto di arrivo, è un’utopia. L’orizzonte è un percorso ad ostacoli. Ogni ostacolo è una scelta ed ogni scelta è un ostacolo. Il mio ostacolo più grande sono io. Ma guardando l’orizzonte vedo me stesso, vedo la mia ombra ed il riflesso di quel che sarò. Vedo il mio passato e vedo il mio futuro.
Non so bene dove andrò, ma guardo ancora una volta l’orizzonte e guardo la vita.
Dopodiché riprendo il mio cammino. Sta volta so dove andare.


  • ©2016 Manifest. Tutti i diritti sono riservati agli autori delle singole opere.
  • Il blog è stato realizzato da Siti Web Torino.