Parto dal presupposto che non ho mai trovato nessuna differenza tra un “disabile” e un ragazzo qualunque. Li rispetto entrambi. 0

Guardo l’orario, le lancette segnavano le 15:00 e penso “e ora cosa faccio”. Vado in camera, mi corico sul letto e comincio a pensare alle svariate cose che si possono fare alle 15:00 del pomeriggio: leggere, ascoltare musica, farmi una tisana… e alla fine non faccio nulla di quello cheCONTINUA

Nella vita, rischiando e sbagliando sono cresciuta e, ho comiciato a capire. Io sono sempre stata una persona dolce (o almeno credo) più o meno con tutti, anche se il mio carattere poteva risultare anche fin troppo buono, non mi fregava, fino a questo punto. 0

Che mi passa per la testa. Ah beh tante tantissime cose, talmente tante che non riusciamo ad andare di pari passo… provo a liberarne un po’! Ho iniziato da un po’di giorni a scrivere di Cleto, e della mia bellissima e personalissima esperienza che spero e credo rifarò. Poi peròCONTINUA

Mi manchi più di ogni altra cosa. Mi manchi quando non ti penso Mi machi quando rifletto Sei un piccolo fardello ma terribilmente pesante. 0

A volte in lontananza vedi spiragli di luce, piccoli ma abbaglianti, che ti fanno da guida, e più passa il tempo e più stai certo o meglio ti autoconvinci che la luce ti guiderà e sarà sempre lì a risplendere quando ti rendi conto di essere smarrito. Non pensi cheCONTINUA