La donna: conoscenza, coraggio o sfiga?

Prima del peccato originale, nella cosiddetta protologia (= che viene prima della Storia), il nome di Eva è semplicemente quello di Donna, “Ishshah” ovvero forma femminile di “Ish” (maschio). Questo sottintende facilmente una condizione naturale non solo di assoluta parità con l’uomo, ma anche di assoluta unità.
Ora, nell’esperienza edenica sono ravvisabili, probabilmente, quei primordiali sogni dell’uomo di una purezza incontaminata e di una vicinanza con la divinità così estrema da non conoscere per nulla la morte. Read more


Quando a scuola si parla di Famiglia.

Le unioni civili, pensiamo, riguardano la comunità LGBT. Invece è un argomento che ci riguarda tutti, eccome. Non soltanto per una questione civile, o morale, o religiosa, o tradizionalistica, ma anche perché riguarda la società, l’intera comunità, la Nazione italiana, lo Stato. E’ di questo che oggi, 27 febbraio 2016, si è discusso durante l’assemblea d’Istituto del Liceo Classico “Fiorentino” di Lamezia. Read more


Ogni Rivoluzione comincia solo se sei tu a incominciarla.

Intanto bisognerebbe prender di petto l’ansia che ogni cambiamento comporta, ma solo dopo essersi goduti fino all’ultimo attimo quella prima fase di eccitazione mescolata a meraviglia che il cambiamento stesso porta nei primi momenti. Per far fronte a quest’oscura e sempre insensata paura del nuovo c’è da tirar fuori tutto il coraggio possibile per accettare ogni momento del vecchio. E con “ogni” momento si deve intendere realmente tutto ciò che è stato. Anche un solo episodio del passato, anche apparentemente slegato nei contenuti, lasciato a marcire nel putrido dimenticatoio della nostra mente non ci permetterà di vincere con forza quella strana angoscia relativa al nuovo.     Read more


FRANCO COSTABILE: per ricreare il senso presente

 

LAMEZIA TERME – Cosa succede quando la memoria di un poeta non viene mai dimenticata? Perché è di questo che si tratta quando parliamo di Franco Costabile. Emerge un suono nel pronunciare il suo nome che rimanda a una molteplicità di cose, prima fra tutte: l’identità. Tutti ci riconosciamo lametini quando sentiamo discorrere della sua poetica, oppure quando leggiamo un suo verso, quando ne sentiamo parlare fra storici, professori, giovani studenti, operatori culturali, musicisti. Tutti ci riconosciamo nel ‘Canto dei nuovi emigranti’ di Costabile quando presi da scoraggiamento e rassegnazione decidiamo di partire, di prendere un treno verso incerti orizzonti in cerca di fortuna. Ma ci riconosciamo ‘non rassegnati’ quando anche decidiamo di restare. Quando orgogliosi proseguiamo qui, nella nostra terra, la nostra strada. Ci riconosciamo nella poetica favolosa del Costabile, nella sua ribellione, nella sua voglia di rivoluzione e di riscatto sociale, nella sua gioia e nel suo entusiasmo. Read more


Sgarbi tra Catanzaro e Cosenza. Lamezia “graziata”.

Sgarbi, “fa pace” con Catanzaro (mai stato troppo “idilliaco” il rapporto tra il critico-showman ed il capoluogo), affermando che la città si appresta a diventare meta di interesse culturale come Pompei o Paestum.
Poi, a Cosenza, non solo ammette la montatura mediatica e simbolica dell’operazione “Alarico” ma addirittura la elogia insieme al suo fautore (l’ormai ex sindaco Occhiuto, definito “vero erede di Goebbels“), per augurarsi, infine, di non veder realizzata la scultura di Grassino che “rifiuterebbe anche Alarico”; “la realizzasse a Catanzaro!”. Read more


VITO TETI: “A Carnevale ogni festa vale una maschera”

Quale Carnevale oggi?

Sul fatto che il carnevale di oggi si possa definire tale abbiamo molti dubbi. Eppure in città è più istituzionalizzato il carnevale di qualunque altra cosa. Vi riportiamo una nota balzata ai nostri occhi meritevole di attenzione, seguita da alcuni antichi scatti da parte di Vito Teti.

Articolo apparso oggi su “Il Quotidiano del Sud” (pp. 47 – 50 ) con il titolo “A Carnevale ogni festa vale una maschera”. Le fotografia che presento, in maniera autonoma dal testo, nonostante tanti rinvii, sono una sorta di “Microstoria per immagini di un Carnevale calabrese” (S. Nicola da Crissa, 1952-1979-1982-1991-2009).


Scrittore per strada: Lazzarin in Calabria 12 e13 febbraio

Quando pensiamo alla presentazione di un libro immaginiamo grandi sale, o anche piccole, arredate di sedie, scrivanie, poltrone, con un pubblico e dei relatori più o meno interessati pronti ad incalzare lunghi discorsi su quanto siano super acculturati. E in quell’esatto momento la lampadina della cultura si spegne. Muore. E partono applausi ad hoc misti a qualche sbadiglio. Qualcuno viaggia ad occhi aperti, costruisce i migliori film nella testa (magari anche erotici). Qualcun’altro dopo i primi 20 minuti si alza dalla sedia e buona serata signori!

Read more



“Il Ciclista” le oscillazioni di Marco Santoro

LAMEZIA TERME – Presentazione Videoclip “IL CICLISTA” da “La piccola bottega di khaloud” di Marco Santoro.

L’anteprima de “IL CICLISTA” è visibile dal 27 gennaio su fanpage.it e adesso anche so YouTube.
Un gran lavoro di squadra che ha visto la regia di Lyda Patitucci, la produzione esecutiva di Salvatore Santoro, voce, testo e arrangiamenti di Marco Santoro.
Il 5 dicembre 2010 a bordo di una Mercedes, un uomo falciò dieci ciclisti lametini. Otto anime morirono quel giorno. Solo a distanza di qualche anno, una notte rimasi sveglio ed ebbi il coraggio di prendermi cura di quel ricordo. Una canzone aveva voglia di vedere la luce del mattino.
Nel video, si contrappone all’abbandono e all’assenza di una persona, l’amore, nello specifico per lo sport, per la bicicletta. Vuole essere un mantra, una preghiera-meditazione sull’ essenza dell’ amore come cura. Un percorso che comprende tutte le tappe, incluso il dolore, l’attaccamento, la speranza di tagliare quell’ultimo traguardo liberatorio per se stessi e per chi ha alimentato Il vento soffiando più forte in quell’ultima salita perché la terra fosse lieve.

Read more


  • ©2016 Manifest. Tutti i diritti sono riservati agli autori delle singole opere.
  • Il blog è stato realizzato da Siti Web Torino.