A un certo punto, dovrai scegliere da che parte stare. Ti mostreranno delle maschere da indossare, ti illuderanno di essere una persona saggia, consapevole, esclusivamente in base al numero di informazioni che riuscirai a immagazzinare, in una sorta di allucinazione informativa, quando in realtà non sarai nemmeno in grado diCONTINUA

Palermo, Luglio 2014. Ricordo una giornata bellissima, il sole caldo che mi baciava il volto, il mare azzurro e limpido e voci familiari intorno. C’era lei, ancora più bella di tutto questo, che mi invitò a tuffarmi da uno scoglio. Odio i tuffi, ma dopo tanto tempo, per un’altra volta,CONTINUA

Questo è uno di quei periodi in cui devo prendere la palla al balzo ma non so cosa fare. O meglio: so cosa fare ma non so come comportarmi, così poi penso “vabbè lascio fare a loro”, nel senso come è destino che debbano andare. Ma poi penso ancora: perché devo lasciar fare a questoCONTINUA

  Critica paradossale di chi ama e non ama il teatro. Ho imparato un po’ di teatro stando a teatro e non facendo teatro. Ho imparato che il vero teatro non è mai su un palco ma è per strada, in quella strada che ti porta a teatro e stareCONTINUA

“Ti voglio bene. Probabilmente non è da me che vorresti sentirtelo dire, ma forse non c’è nemmeno qualcuno che si è ricordato di dirtelo oggi, di ricordarti che ti vuole bene, quanto ti vuole bene. Sai, a volte la vita ci sorprende attraverso altre lingue 0