In città: vedo totem dappertutto!

LAMEZIA TERME – Così all’improvviso sono spuntati fuori dei totem dell’altezza di un metro e cinquanta circa dinanzi ciascun palazzo storico cittadino. Mi guardo intorno come sempre e vedo loro! L’idea mi piace parecchio e penso, fra me e me, che forse andavano inseriti già molto tempo prima. Totem dal colore grigio e rosso, con all’interno una minima descrizione del palazzo: il nome e il periodo in cui risale. Stop. Read more



Nero

Nel buio della notte,
brutale incontro.
Faccia a faccia con quella oscurità
tenuta a lungo nascosta.
Nello specchio di un ruscello
scorge il riflesso di un cigno nero.
Rabbia,
vorrebbe correre veloce,
cancellare la crudele immagine,
annientarla in via definitiva.
Eppure nero è sempre là,
nient’affatto intimorito,
e la guarda.
Occhi di pece,
occhi che parlano di sentimenti lontani,
di vecchie passioni,
di difetti, di paure.
Lei era un cigno bianco,
un cigno bianco impuro,
aveva taciuto al mondo
il cigno nero, così drammaticamente imperfetto,
ma dannatamente vitale.


Quando a scuola si parla di Famiglia.

Le unioni civili, pensiamo, riguardano la comunità LGBT. Invece è un argomento che ci riguarda tutti, eccome. Non soltanto per una questione civile, o morale, o religiosa, o tradizionalistica, ma anche perché riguarda la società, l’intera comunità, la Nazione italiana, lo Stato. E’ di questo che oggi, 27 febbraio 2016, si è discusso durante l’assemblea d’Istituto del Liceo Classico “Fiorentino” di Lamezia. Read more


25/06

Bastano pochi passi a volte. Pochi passi, qualche metro, e dalle risate fintamente spensierate ti ritrovi ai tumori e alle metastasi che negli ultimi giorni hanno fatto ennesime vittime. Pochi passi dal Vintage alla pizzeria vicina, dove vado per agguantare l’ennesimo pezzo di pizza cercato più per abitudine che per fame e per dissetarmi con una birra al risparmio. Questa faccenda dei soldi rompe sempre più il cazzo. Read more


Io e la mia stanchezza che non mi stanca

 

Il trionfo dei tuoi occhi. Umberto Maria Giardini.

Sono appena salita a casa, nel mio 4° piano il tramonto è già sceso da un po’. Sono riuscita a sedermi al pc e prima di ogni altra cosa, preoccupazione ed occorrenza che non riguardi, per un solo attimo esigenze esterne, ho cliccato il titolo di questo pezzo di questo artista che staserà farà tappa nel centralissimo locale di Corso Numistrano, il Cafè Retrò, a Lamezia Terme. Read more


Lègàmi

Sei cuore che batte;
sangue
che pulsa nelle vene.

Sei astro risplendente;
buio
il più cupo.

Sei stereotipo vagante
d’un ladro
che fremente ha venduto il cuore.

Sei misero!

Ah, Dio!
Quanto t’odio.

Sei insaziabile,
e così
la mia lingua t’agogna.

Fanciullo ingenuo
portato all’ombra
delle mie necessità.

Ti desidero.

A colpi di machete
mi hai scavato il cuore;
tirato lo stomaco
dal suo giaciglio.

Sei senz’anima!
Pulpito d’un Dio
privo di misericordia.

Bacia ancora
questo mio ventre sottile,
provato dai tuoi capricci.

Ti volto le spalle
ma tu stringi,
stringi ancora più forte.

Il mio tormento:
Sentire le tue mani
lungo la mia schiena
strizzarmi il cuore
fino a farmi bagnare
di rivoli di sangue.


Umberto Rotundo lancia ciclo “Social dreaming” a Lamezia Terme

“Se si sogna da soli, è solo un sogno. Se si sogna insieme, è la realtà che comincia” dice un proverbio africano.

Cos’è un Social Dreaming?
Si tratta di una vera e propria tecnica psicologica. Tuttavia non si parla di terapia, o sostegno, qui non si curano direttamente le persone. Il primo social dreaming sarà presentato dal giovane psicologo catanzarese Umberto Rotundo a Lamezia Terme presso il CRAC centro di ricerca per le arti contemporanee in Via Piersanti Mattarella. A condurre anche Valentina Laganà. I giorni interessanti e propedeutici sono i seguenti: 26 febbraio, 1 e 4 marzo h. 18.30/20.00.
Read more



  • ©2016 Manifest. Tutti i diritti sono riservati agli autori delle singole opere.
  • Il blog è stato realizzato da Siti Web Torino.