Il risveglio dell’alba si posa leggero fra i tuoi capelli e io, spettatore inerme, imploro affinché il tempo non regali niente all’inutilità di questo spazio, a ciò che è all’infuori del battito di questo mio cuore, del muovere leggero delle tue mani fra le linee di questi infiniti secondi. 0

Quanto è profondo il mare… Cinque giorni a Settembre, il mese con cui si è soliti salutare l’estate. Com’è possibile ritrovarsi adulti in così poco tempo? E quanto costa non poterne parlare con chi, realmente, sente il tuo cambiamento? La felicità è un po’ come la tristezza. Dura poco. PoiCONTINUA

Quando passi dal trascorrere tanto tempo con una persona ad essere quasi degli sconosciuti, a volte il ricordo può essere nostalgicamente malinconico. O malinconicamente nostalgico. Avrei voluto scriverti. Avrei voluto percepire di nuovo 0

[…] E allora, adesso che vedo la neve per le strade e il fumo che esce dai camini delle case, adesso che sento l’odore dei mandarini della mia terra e il calore della sciarpa che mi ripara da questo freddo, adesso che 0

Ogni essere umano ha diritto alla felicità, ma ogni essere umano ricerca la felicità in diversi modi, diversi luoghi, diversi tempi. La felicità si può trovare nell’arte, nella musica, nel teatro, nella poesia, nella fotografia, nell’amicizia, nell’amore. La felicità può essere  individuale, familiare, collettiva, può anche non realizzarsi. Ma laCONTINUA

Ho viaggiato tanto. Mi sono sempre chiesto questa strana voglia di vedere il mondo, di scoprire il mondo. Non poteva essere solo curiosità di conoscere altre culture, di incontrare altre persone, di sapere cosa c’era al di là dei luoghi in cui avevo vissuto. Una strana sensazione mi ha sempreCONTINUA

​La cosa più importante non è mai stata la vittoria. Vincere nella vita è come imparare: non si smette mai di imparare, di vincere E di perdere. Ho così tante volte perso che ho compreso il vero valore di una vittoria. Perché la vittoria capita veramente poco troppo poco spesso.CONTINUA

Sono andato via da Lamezia tempo fa, ho affrontato un problema dopo l’altro, mentre affrontavo per la prima volta in vita mia , il mondo del lavoro, per quanto in piccolo con il servizio civile. Qualcuno mi dice che sono cambiato, e credo sia vero. Stavo cercando di essere unaCONTINUA

Sei cuore che batte; sangue che pulsa nelle vene. Sei astro risplendente; buio il più cupo. Sei stereotipo vagante d’un ladro che fremente ha venduto il cuore. Sei misero! Ah, Dio! Quanto t’odio. Sei insaziabile, e così la mia lingua t’agogna. Fanciullo ingenuo portato all’ombra delle mie necessità. Ti desidero.CONTINUA