Prendete una delle voci più rappresentative dell’ultimo teatro contemporaneo italiano – dove per “ultimo” si vuole intendere la materializzazione dell’attimo più presente: ora, adesso, negli ultimi anni, al massimo – prendetela insieme all’intero corpo-performer di Roberto Latini che, in effetti, numerosi premi e riconoscimenti (tra gli altri, due volte PremioCONTINUA