migranti

Fin dalla prima ciocca corvina

  Per la strage di Cutro (26/02/2023) Venne di corsa urlando “Habibi”, che nella sua lingua significava “amore”, o “tesoro”, o “mio caro”. Lo urlava quasi risentita, senza piangere, come a non voler dargli tutta la soddisfazione che si prova…