Cara mamma, in giornate come queste il tempo pare anestetizzarsi, come le mie emozioni. Non volere niente. Niente che non sia silenzio, solitudine, assenza di perché. La notte però è diverso. È sempre un continuo cercarti, in sogno, li il desiderio prende forma, implora di ritrovare il tuo volto,CONTINUA

Penultima domenica di Settembre. È mattino, la città riprende i suoi ritmi. Le poche edicole rimaste, lungo Corso Numistrano, sfornano quotidiani con le notizie dell’ultima ora. Argomento al bar, o all’uscita della messa di nuovo piena ovunque, é la politica lametina. Le prossime elezioni comunali. Si attende ancora l’ultima udienzaCONTINUA

Ricordo quel pomeriggio come se stesse accadendo adesso. La pioggia … noi strette sotto lo stesso ombrello…I colori di quel presepe stavano lì da almeno vent’ anni. Da che ero bambina mi portavano a osservarlo. Mi meravigliava sempre. Era Natale ma quel presepe, si aveva la superbia di portarlo finoCONTINUA

Era nu juarnu di suli e, cumu sempri, sàngu e sudùri. Jia, di vavìa, nu giuvinottu cu nu quatrarìallu ppi manu. Illu, atu cumu na cerza, guardava llu cialu cumu a diri “vasami, vasami cu llu viantu, vasa stu figghjiu tua ca ti camina ‘ncuntru”, e llu nninnu, Giusippuzzu, ‘uCONTINUA