•  
  •  

Guardo l’orizzonte.
Stimolato delle mie debolezze e rafforzato dai miei limiti, da delusioni ed incertezze che mi hanno motivato a trovare delle risposte. Riprendo il mio cammino. Riparto, vado avanti.
Guardo l’orizzonte.
Oltre quei dubbi che mi imprigionavano nel mio silenzio e in una sorta di inettitudine, vedo il sole che splende.
Guardo l’orizzonte e mi chiedo cosa c’è oltre.
Riuscirò mai a saperlo?
L’orizzonte è un punto di arrivo, è un’utopia. L’orizzonte è un percorso ad ostacoli. Ogni ostacolo è una scelta ed ogni scelta è un ostacolo. Il mio ostacolo più grande sono io. Ma guardando l’orizzonte vedo me stesso, vedo la mia ombra ed il riflesso di quel che sarò. Vedo il mio passato e vedo il mio futuro.
Non so bene dove andrò, ma guardo ancora una volta l’orizzonte e guardo la vita.
Dopodiché riprendo il mio cammino. Sta volta so dove andare.

Di Andrea Icardi

Su di me ci sarebbero da dire molte cose ma nel contempo niente. Preferisco che siano i miei pensieri scritti a parlare di me. Ho molte insicurezze e poche sicurezze nella mia vita. Una di queste è la scrittura, una delle mie più grandi passioni che spero diventerà la principale attività della mia vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.