•  
  •  

Nuova iniziativa del The convente centre of language and Arts di Amantea.   È partito infatti il progetto del corpo Europeo di Solidarietà. “Meet Up: Discover our values through Volunteering”. Il programma vede coinvolti due ragazzi, Myrto e  Angel, lei greca lui spagnolo che verranno ospitati ad Amantea per 5 mesi. Come si legge nel comunicato […] daranno il loro personale contributo per la promozione della solidarietà e per un ambiente multiculturale, aperto e tollerante attraverso l’organizzazione di laboratori ed eventi aperti a tutti. Verrà offerta loro la possibilità di vivere un’esperienza unica ed ispiratrice e sarà un tassello fondamentale per la loro crescita personale e lavorativa. Myrto e Angel, dopo un periodo di osservazione della nostra comunità e delle associazioni operanti sul territorio, si occuperanno dell’organizzazione di momenti d’incontro per bambini ed adulti sia ad Amantea che nei territori limitrofi. I ragazzi porteranno con sé idee, convinzioni e aspettative. Noi di Convent Centre avremo il compito di prestare attenzione alle loro esigenze e garantire un ambiente di accoglienza rispettoso e sano, basato sulla fiducia e sull’inclusività della nostra cittadina. >>

Matrici del progetto sono il multilinguismo e l’inclusione sociale : l’idea è quella di promuovere attività ove possano incrociarsi le varie lingue e la cultura mediterranea, tramite laboratori di cucina greco- spagnola, tandem linguistici, attività ricreative per i bambini, sessioni informative sul programma Erasmus + e molto altro ancora.

Alla base del progetto c’è la convinzione, da parte di Convente Centre e di tutti gli attori coinvolti nel progetto, che sia necessario condividere i valori della solidarietà, del rispetto per la dignità e i diritti umani, in una società giusta ed equa, basata sul pluralismo linguistico e culturale, la non discriminazione, la tolleranza e la condivisione. Un invito quindi  a tutte le associazioni di Amantea e del comprensorio a partecipare,  collaborare, ad aprirsi a nuove esperienze e nuovi orizzonti.

Di Ilaria Pellegrini

"Se leggo un libro che mi gela tutta, così che nessun fuoco possa scaldarmi, so che è poesia. Se mi sento fisicamente come se mi scoperchiassero la testa, so che quella è poesia. È l'unico modo che ho di conoscerla. Ce ne sono altri?" E. Dickinson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.