La famiglia allargata

01.01.2018
È finalmente ufficiale.
Sono sopravvissuta un altro, che sarebbe terzo Natale e fine del anno, una volta la mia festa preferita – quando ancora credevo che tutto è possibile, è finita. Perforata con un’altra spilla nel cuore ma sopravvissuta.

L’anno scorso, non conoscendo nessuno, mi sono bloccata a letto per due giorni. Questo l’anno sono uscita. Da sola di nuovo, ma almeno ho respirato un po’ di allegria contagiosa.
A letto sono rimasta bloccata a Natale, visto che mi sona rotta di spendere inutilmente. L’anno scorso ho preso un bad&breakfast in Fuscaldo con giardino, isolato, delizioso….risultato?
Ho visto i bambini 2 ore in sala di comune. Per dargli regali. Mentre Davide – 12 anni – ripeteva in continuazione: “Ho fame. Abbiamo gamberetti.”
Lo so, amore mio che gli adori.
Lo so.
Ci sono stata per 10 anni a festeggiare la vigilia di Natale e giorno di Natale e Capodanno… e c’erano sempre oltre i gamberi anche cozze ripiene e maccheroni fatti in casa.
Lo so che gli adori.
Perciò; questo l’anno ho deciso che non sono una banca ambulante. E glielo anche detto: “Sai, a me i soldini non cadono dal cielo. C’è poco lavoro. STUDIA! ☺.
Regali li prendo prima possibile.”
A me chiedono quelli che costano di più. Dalla famiglia si accontentano con un piccolo lego o puzzle.
Forse è per quello che Davide rifiuta magari soldini da me. Tipo: 2 eu.
“Non gli voglio.”
Ma perché? Spiegami il perché almeno.”
” Non gli voglio. “

A quel punto si vede la manina di Leo , quello di 9 anni: “Lo prendo io. “
“Bravo Leo. Così ti compri le carte di guerrieri.” Il suo gioco preferito. Ne ha fatto parecchi anche disegnando si da sé.

Io: ” Davide che vuoi per Natale? Per Greta ce l’ho una bici !!!

Tragico epilogo della conversazione con la mia figlia di 5 anni che ovviamente voleva sapere regalo: “ Cos’è?”
“Non te lo posso dire. Se no. Non sarà più la sorpresa!.”
“Daaaai….”
“Ok. Ha due ruote.”
“Passeggino:
“No. E i pedali.”
“La machina.”
“Ma la machina per i bimbi? Si chiama? Si chiama bi…bi…bici!!”
Silenzio.
Ok.
Non aveva l’idea cosa può essere una bici. Vaga l’idea forse sì.
Che VERGOGNA!
Non avere e non sapere sono cos’è molto diverse.

“Davide …..e sto regalo?”
“Non voglio niente.”
“E dai , non fare scemino, allora scelgo io.”
Poi balbaetta qualcosa sotto baffi.( Non mancherà molto e ci saranno davvero. Ou schid. )
“Cosa? Non ho capito,” continuo.
“Scegli tu.”
“Come??? ” lo torturo per un pò ancora.🙂
“Scegli tu!”…pronuncia tra i denti con grande fatica.

Avere dei problemi di accettare un regalo dalla madre mi fa molta amarezza .
Perché lo so che non è la sua reazione spontanea. Ma concepita dalla paura di deludere la mia controparte.
Non è la scelta libera.
La stessa, con la sua adorabile bici. Era instancabile…lui e la bici. Il suo primo l’amore.
Adesso non lo interessa più???
O cerca semplicemente di fare “ un bravo bambino.”
Mi aspetto l’adolescenza molo burrascosa ….
E ne ha tutto il diritto!
Importante che non si scatena lo sfogo della rabbia nelle cose futili. Spero che si concentrerà su l’altre cose…e non su l’autodistruzione.
Spero di essergli almeno da un esempio: Come dico sempre!!

” Studia, amore mio, oltre che sei sempre a casa almeno sfrutta il tempo per il tuo futuro. Spero di esserti un esempio vivente come non prendere The Lost Highway. ( le strade perdute).”
Per resto!!!
Lo risolviamo insieme! Sempre! Adesso ci sono più forte che mai. Che neanche immaginavo di poter essere chi sono oggi.
—————-
Adesso vanno dalla zia.Provincia di Cosenza
Chi se ne frega della mamma.
Potevo venire senza regali …a fare che? Chiudersi di nuovo nel loro ristorante e congelarsi guardando la Tv o disegnando . ..chiacchierando di quel poco che posso sapere!!
Ho deciso che non mi basta la quantità…ma la qualità!
Sta volta farò qualcosa Alla grande!! CINEMAAAAA!!!🤗

Ci vediamo presto…..uhaaahaa😱
Buooooon anno.

(The Lost Highway…..le strade perdute…David Lynch e la sua scoperta: Rammstein.)

…e anche la mia😎. Ma ha mai capito qualcosa di questo film? E come la vita…Nada.

Monika Momon

Mi presento?
Sono una Madre. Ma non ho figli.
Sono una che sceglie sempre la via più tortuosa. E non so perché.
Sono una che ha imparato ad amare!
( ma che fatica😎)
E sono una che è convinta che :
"La rovina dei figli, sono i loro genitori."

Leave a comment

  • ©2016 Manifest. Tutti i diritti sono riservati agli autori delle singole opere.
  • Il blog è stato realizzato da Siti Web Torino.