Una poesia e una presentazione: Antrace

  •  
  •  

Saluti! Sono Michele, uno studente di lettere ibrido calabro-cilentano. Non sono molto bravo a parlare di me stesso, potrei anzi annoiare il povero lettore; perciò, vorrei presentarmi facendo ciò che amo: scrivere! In questo caso, ho scritto una breve poesia che non starò ad analizzare dato che ritengo che ogni lettore debba avere la piena libertà di poter giudicare qualsiasi tipo di scritto in totale autonomia.
Bene, non ho altro da aggiungere, alla prossima!
Buona lettura:

Antrace
Quando vedo di notte buio sulle case
e lucciole chiare nel cielo d’antrace,
immagino una piccola donna che tace
che chiede del dolore le vere cause.

Donna, tu parli a me e di me
conosci il buio e la luce,
conosci il mio vero cuore.

E non sei che te, parlo di te
che sei del mio animo brace
che mi spogli di ogni pudore.

Ora amore si spegne il focolare
e tutto intorno tace.
Credo sia questo rammentare
che io cerco solo
la pace.


Michele Di Zeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto