Suicidi letterari racconta Ernest Hemingway, venerdì 8 giugno l’ultimo appuntamento della rassegna

Nuovo appuntamento per “Suicidi letterari”. Venerdì 8 giugno la rassegna culturale vivrà il quarto incontro con protagonista Ernest Hemingway.

L’appuntamento – ospitato sempre dalla locanda Ai 3 bicchieri di Lamezia Terme, con inizio alle ore 19.00 – graviterà attorno alla figura di uno degli scrittori del Novecento che più hanno influenzato il modo di scrivere e pensare.

Ernest Hemingway, nato nell’Illinois nel 1899, ha rappresentato un raro caso in cui uno scrittore sia diventato un mito già in vita. Le sue opere più famose, come Addio alle armi e Il vecchio e il mare, sono dei capisaldi della letteratura mondiale. Lo scrittore statunitense è celebre non solo per la sua fine arte letteraria, ma anche per la vita spinta oltre il limite, tra guerre (vissute da militare volontario e da cronista), safari in Africa, corride, battute di pesca, molteplici donne e alcol.

Definisce chiaramente Hemingway, morto suicida nel 1961, una frase che descriveva l’uomo come una persona «in grado di ripulire un intero bar e poi mettersi a citare Shakespeare al barista».

A raccontare la vita vagabonda di Hemingway, attraverso immagini e contributi video, saranno Antonio Pagliuso, ideatore della rassegna, e la booktuber Francesca Tropea.

Valeria D'Agostino è giornalista pubblicista, curiosa del bello, amante della natura e della poesia. Ha contribuito a realizzare il Tip Teatro di Lamezia Terme, già ufficio stampa di Scenari Visibili, blogger sin dagli esordi di Manifest Blog. Ha lavorato per Il Lametino, attualmente corrispondente esterna della Gazzetta del Sud. Nell'ambito della scrittura giornalistica ha prediletto un interesse particolare per le tematiche sociali, quali in primis la sanità e l'ambiente, culturali, e artistiche. Si divide fra Lamezia Terme e Longobardi, costa tirrenica cosentina dove si occupa di turismo e agricoltura biologica. "Un buon modo per dare concretezza al concetto di fuga".

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.