Concerto jazz al museo. Sulle note di ‘Back home again in Indiana’, un signore sulla cinquantina, scorrendo con il dito nella home page, chiama la moglie attenta. Lei, nel suo movimento leggero e disinvolto, indossa gli occhiali da vista per guardare ciò che il marito ha da mostrarle: ilCONTINUA

  I remember hardly anything about the Krakow trip. Only little moments that come in my mind as flashes. For example, I remember the train and me sleeping with you, in your arms. We were just sleeping, no more, but enough. Enough for me to understand. And then I rememberCONTINUA

La mattina mi piace stare sotto le coperte e prendere gli abbracci che non mi dai. Poi, si, nella vita si fanno miliardi di scelte. Perchè all’inizio sono solo milioni, ma poi per ognuna di esse se ne aggiungono altre. E poi sono così tante, cavolo! Ed ora devo scegliereCONTINUA

We always live among the seasons. Continuously. But, every year, when the first light pink flower bloom on the bare branches, it is being surprised. And the next season? The warm weather, the empty town, the smell of the sea. This year I feel luckier than ever. 0

Cominciare a ridere senza alcun motivo e avere l’impressione di star fingendo. Ma perché se non è vero, non riesco a fermarmi? E soprattutto perché rido? Appena mi siedo a terra chiudo gli occhi un secondo, li riapro e le mie mani girano gesticolando, ho tantissime mani che circolano eCONTINUA

Mi vesto in fretta, circa un minuto e mezzo, prendo il taxi e –Fast, fast, fast, I’m in late, I’m missing the flight. E invece, stavo perdendo la possibilità di stare altri venti minuti con lui, all’aeroporto, nelle sue braccia. I nostri occhi, i miei così neri ed i suoiCONTINUA