Respiro

  •  
  •  

Hai visto l’assurdo nulla.

Linee verticali

di antichi cieli plumbei.

Hai imparato a raccogliere 

la candida luce,

mentre si posa 

sui tuoi gesti inconsistenti .

In pallide stanze

hai toccato desideri

avviluppati alla vita.

Hai disegnato contorni immaginari,

abbracciando nuovi uragani,

con la sola certezza 

del tuo oscillante respiro.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.