Umberto Rotundo lancia ciclo “Social dreaming” a Lamezia Terme

“Se si sogna da soli, è solo un sogno. Se si sogna insieme, è la realtà che comincia” dice un proverbio africano.

Cos’è un Social Dreaming?
Si tratta di una vera e propria tecnica psicologica. Tuttavia non si parla di terapia, o sostegno, qui non si curano direttamente le persone. Il primo social dreaming sarà presentato dal giovane psicologo catanzarese Umberto Rotundo a Lamezia Terme presso il CRAC centro di ricerca per le arti contemporanee in Via Piersanti Mattarella. A condurre anche Valentina Laganà. I giorni interessanti e propedeutici sono i seguenti: 26 febbraio, 1 e 4 marzo h. 18.30/20.00.

A cosa serve?
Si lavora con i sogni delle persone. Solo che invece di interpretarli e prenderci cura della “mente” di chi li genera, durante l’incontro i vari sogni vengono associati, concatenati, legati, connessi. Dalla matrice che ne risulterà potremo avere uno sguardo sulla nostra “mentalità”

Come si svolge quest’esperienza?
Si fa gruppo. E in gruppo si condividono e si associano i sogni. Non si lavorerà su vissuti personali, ma si cercherà di rimanere nella dimensione onirica. Ci interessa ciò che il nostro inconscio riesce a percepire della realtà che ci circonda.
22710_368247373376893_7895261382330387719_n
Ci sono regole o condizioni?
L’ideale sarebbe partecipare a tutti e tre gli incontri. Immersi in quell’atmosfera onirica sarà come sognare nuovamente, e tra un incontro e l’altro produrre nuovi contenuti, scambiarsi i sogni. Bisogna naturalmente essere maggiorenni.

I posti sono limitati e per poter partecipare è necessario prenotare la propria partecipazione chiamando al 348.7907882. La serata include un aperitivo da sogno al prezzo di 8 Euro.

Durante l’esperienza di Social Dreaming sarà presente l’artista lametino G loois (Street Artist, tatuatore, con il suo stile metafisico, astratto e simbolico, si lascerà ispirare dai sogni che verranno raccontati, e sarà attorno al gruppo a disegnare dal vivo!

L’evento è patrocinato dall’ordine degli Psicologi della Calabria, e realizzato grazie alla collaborazione del CRAC Centro di ricerca per le arti contemporanee, Provisiva, G loois, Manifest. 

Valeria D'Agostino

Giornalista pubblicista

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.