Buonanotte a chi continua a scrivere e studiare

Buonanotte a chi è stanco ma di dormire non se ne parla,
buonanotte a chi continua a scrivere, a studiare, con le mani in testa per non pensare,
a chi, senza tregua, cerca di velocizzare i tempi e diventa adulto tutto d’un fiato.

Buonanotte a chi 24 ore in una giornata son poche, ce ne vorrebbero 72,
con più tempo, più tempo, ancora più tempo per amare, per essere felici, per amare e per essere felici.
Buonanotte a chi fa tante cose eppure a quest’ora le parranno sempre poche.

Buonanotte a chi pensa di leggere sempre le stesse cose ma stesse queste non sono mai, come un dolore aperto.
Buonanotte ai cambiamenti, a quelli davvero inaspettati, e anche a quelli che verranno,
Buonanotte alla paura, fedele amica o nemica (?) di queste mie ore, che ormai io e lei ci facciamo compagnia in fondo al cuore,
Buonanotte al cuore, ai suoi mille Battiti, ai minuti, ai respiri lunghi o corti, a chi veglia da qualche altra parte, buonanotte a chi pensa all’amata, a chi pensa al cielo.

Buonanotte agli amici, quelli immaginati, quelli vissuti, e già dimenticati, buonanotte alle illusioni, alla luna, alle nuvole e alla mia faccia da bambina quando rimane incredula.

Buonanotte mondo,
A te, che ogni giorno mi appari diverso, pesante, pieno di sorpresa.
Buonanotte a me, che resisto, a me che non chiedo più nulla e non vuol dire che non desidero.

Valeria D'Agostino

Giornalista pubblicista

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.