Ti consiglio un libro: Il Grande Gatsby.

Il Grande Gatsby, titolo originale The Great Gatsby, è un romanzo scritto dallo scrittore statunitense Francis Scott Fitzgerald, pubblicato per la prima volta nel 1925.  Il libro, da me letto, è edito Feltrinelli.

Nick Carraway è un giovane che nel 1922 si stabilisce nella sfavillante Long Island. La sua casa si trova vicino a quella di Gatsby, uomo impenetrabile, che organizza delle grandiose feste alle quali tutti partecipano. Un giorno Nick riceve l’invito per partecipare ad una di queste feste e sarà proprio in questa occasione che conoscerà Read more


Ti consiglio un libro: Pappagalli verdi.

Facendo un giro tra le vie della città si respira aria natalizia: mercatini, luci e addobbi natalizi ricordano che il Natale è alle porte.
A Natale son tutti più buoni” è questa la frase che ci somministravano da bambini e, quando ero piccola, ci credevo a quelle parole. Credevo alla magia del Natale, a quell’incanto capace di accendere la scintilla della bontà nelle persone di tutto il mondo. Oggi, però, non riesco più a crederlo. Le notizie che si leggono sui quotidiani e online non sono delle più rassicuranti e mi fanno capire come il mondo abbia deciso di accendere la scintilla della guerra anziché quella della bontà.
È proprio questo il motivo per cui oggi vi consiglio di leggere Read more


Ti consiglio un libro: Walden ovvero la vita nei boschi.

Dall’estate del 1845 all’autunno del 1847, il filosofo, scrittore e poeta statunitense Henry D. Thoreau decise di abbandonare la civiltà e vivere in solitudine tra i boschi. Da questo esperimento nacque “Walden ovvero la vita nei boschi” pubblicato nel 1854, in Italia edito BUR. Il saggio venne quasi completamento scritto durante il soggiorno nella capanna costruita dallo stesso autore. Quasi come se fosse un diario di bordo, lo scrittore annota e descrive minuziosamente la sua vita e quella del bosco. Nell’ambiente letterario Thoreau era particolarmente vicino al Trascendentalismo, dal quale però si allontana per elaborare un proprio originale pensiero nel quale egli afferma che la natura è oggetto ultimo della pratica filosofica, fonte di benessere e soluzione esistenziale. Il libro, a mio parere, può essere considerato il  Read more


Ti consiglio un libro: Lettera a un bambino mai nato.

Nel momento in cui ho letto l’ultima parola di questo libro, mi son sentita destabilizzata. La sensazione che mi stringe come una morsa la bocca dello stomaco, velocemente è salita su fino agli occhi riempiendoli di lacrime.

“Lettera a un bambino mai nato” è un libro scritto nel 1975  da Oriana Fallaci ,scrittrice, giornalista e attivista italiana, edito Rizzoli.
Il libro racchiude tematiche da sempre difficili e complesse da gestire: l’aborto, l’amore e la famiglia. É un’epistola che ha il ritmo di un monologo drammatico: a parlare è una donna senza volto, senza nome, senza età. Una donna che scopre di essere incinta e parla con il suo bambino, gli racconta il crudele mondo e l’amara vita. É una donna misteriosa e dura che, tuttavia, si rivelerà essere una madre Read more


Perché ho iniziato a recensire libri?

Caro diario,
chi mi conosce lo sa: sono una persona di pochissime parole, e queste tendono ad annullarsi completamente quando sono di fronte a persone che non conosco. Forse è proprio per dar libero sfogo alle parole che mi rimangono intrappolate dentro che ho iniziato a scrivere. Dacché ho memoria, ho sempre avuto un gran interesse verso penne e quaderni. Il mio primo approccio con le parole, che mi tenevo dentro, è stato semplicemente questo: comprare un quaderno o un diario e scrivere ciò che mi passava per la mente. Ricordo ancora quasi tutti i miei Read more


Ti consiglio un libro: Paula.

“Paula” è un libro scritto dall’autrice Cilena Isabel Allende, giornalista, scrittrice e autrice di libri per l’infanzia. La scrittrice rimane in Cile fino al 1973, e dopo il Golpe di Pinochet si trasferisce dapprima in Venezuela e in seguito in California dove vive tutt’ora. Il suo romanzo d’esordio è “La casa degli spiriti” (1982), con il quale diviene un’autrice di fama internazionale letta in tutto il mondo.

“Paula” viene scritto nel 1992, anno che segna l’autrice per sempre, e pubblicato nel 1994. Il libro nasce da una terribile esperienza personale: la morte della figlia.
Ammalatisi gravemente nel 1991, Paula Read more


Ti consiglio un libro: Per Isabel. Un mandala.

Antonio Tabucchi è stato uno scrittore e un accademico italiano, considerato il maggior conoscitore, critico e traduttore di Fernando Pessoa. I libri e i saggi di Tabucchi sono stati tradotti in diciotto lingue. Egli ha ottenuto il Premio francese “Médicis étranger” per “Notturno indiano” e il “Premio Campiello” per il libro “Sostiene Pereira“.
Per Isabel. Un Mandala.” è un libro postumo, edito Feltrinelli e pubblicato nel 2013 dalla stessa casa editrice.

Waclaw, per gli amici Tadeus, è alla ricerca di Isabel, un suo antico amore di cui ha perso le tracce. La ragazza sembra esser svanita nel nulla, l’unico modo di avere sue notizie sembra esser quello di interpellare e ascoltare tutte le persone che in un modo o nell’altro son state a contatto con lei. Come cerchi concentrici che lo condurranno sempre più vicino al centro, Tadeus disegna intorno alla figura di Isabel un Mandala che, una volta concluso, verrà spazzato via dal vento.
Read more


Ti consiglio un libro: Cecità.

Cecità è un libro scritto dal narratore, poeta, drammaturgo, giornalista e critico letterario José SaramagoIl libro viene pubblicato nel 1995 in Portogallo, patria dello scrittore, e nel 1996 in Italia. Nel 1998 gli verrà assegnato il Premio Nobel per la letteratura.

In una città senza nome è una giornata come tutte le altre. Le strade sono piene di traffico, un automobilista in fila aspetta che la luce del semaforo da rossa diventi verde. D’improvviso però tutto, per quell’uomo, diviene bianco: non ci vede più. Preso dal panico per la nuova e inaspettata condizione , viene aiutato a tornare a casa da un falso benefattore. Il primo cieco, così lo conosceremo per l’intera storia, si recherà assieme alla moglie da un oculista per cercare spiegazioni di questa improvvisa cecità. Il medico, però, non riscontra nessuna anomalia negli occhi del paziente: dovrebbe vederci alla perfezione ma non è così.Questa cecità è strana non solo perché non presenta alcun sintomo e arriva all’improvviso, ma soprattutto perché immerge il paziente nel bianco totale. Il medico privo di risposte, rimanda a casa l’uomo. Quella stessa sera anche il dottore diverrà cieco. Questi non saranno due casi isolati, “il male bianco” prenderà le sembianze di un’epidemia. Il Governo, per cercare di arginare quest’emergenza, internerà i contagiati e i presunti contaminati in un ex manicomio.
Ma non tutti vengono colpiti dalla cecità: Read more


Ti consiglio un libro: Col corpo capisco.

Col corpo capisco” è un romanzo scritto dallo scrittore e saggista israeliano David Grossman.
Il romanzo, in Italia, viene pubblicato nel 2003 ed è edito Mondadori.
Il libro racchiude in sé due lunghi racconti: il primo è intitolato “Follia”, il secondo”Col corpo capisco“. Due racconti molto diversi, con personaggi dissimili e con esperienze differenti, ma che raccontano, entrambi, di amore, gelosia e tradimento.

D’un tratto il suo cuore è punto da un dolore sordo e si domanda se lui abbia qualcuno vicino, una persona che abbia incrociato in qualche punto la sua linea.

 

Read more


  • ©2016 Manifest. Tutti i diritti sono riservati agli autori delle singole opere.
  • Il blog è stato realizzato da Siti Web Torino.